Cop27, inaugurata la New Africa Carbon Markets Initiative

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 8 nov. (askanews) - I mercati del carbonio offrono un'incredibile opportunità per sbloccare miliardi per le esigenze di finanziamento del clima delle economie africane espandendo l'accesso all'energia, creando posti di lavoro, proteggendo la biodiversità e guidando l'azione per il clima. Tuttavia, l'Africa attualmente produce solo una piccola percentuale del suo potenziale di credito di carbonio.

Guidata da un comitato direttivo di tredici membri di leader africani, amministratori delegati ed esperti di crediti di carbonio, l'Africa Carbon Markets Initiative (ACMI) è stata lanciata oggi con l'obiettivo di espandere notevolmente la partecipazione dell'Africa ai mercati volontari del carbonio. L'iniziativa è stata inaugurata alla COP 27 in collaborazione con The Global Energy Alliance for People and Planet (GEAPP), Sustainable Energy for All (SEforALL) e la Commissione economica delle Nazioni Unite per l'Africa, con il supporto dei campioni di alto livello delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici - Mahmoud Mohieldin e Nigel Topping.

ACMI ha annunciato un'ambizione coraggiosa per il continente: raggiungere i 300 milioni di crediti prodotti annualmente entro il 2030. Questo livello di produzione sbloccherebbe 6 miliardi di entrate e sosterrebbe 30 milioni di posti di lavoro. Entro il 2050, ACMI punta a oltre 1,5 miliardi di crediti prodotti ogni anno in Africa, sfruttando oltre 120 miliardi di dollari e supportando oltre 110 milioni di posti di lavoro. Commentando l'ambizione di ACMI, Damilola Ogunbiyi, CEO di SEforALL e membro del comitato direttivo di ACMI, ha dichiarato: "L'attuale scala di finanziamenti disponibili per la transizione energetica dell'Africa non è affatto vicina a quanto richiesto. Il raggiungimento degli obiettivi dell'Africa Carbon Markets Initiative sarà fornire i finanziamenti tanto necessari che saranno trasformativi per il continente".

Fondamentalmente, ACMI si impegna a supportare crediti ad alta integrità in cui una distribuzione equa e trasparente delle entrate va alle comunità. Gillian Caldwell, membro del comitato direttivo dell'ACMI e Chief Climate Officer di USAID, ha osservato: "Il mercato volontario del carbonio africano avrà successo solo se le persone avranno fiducia nel fatto che i crediti africani stanno guidando una vera azione per il clima e hanno un impatto umano positivo. Man mano che il VCM cresce in Africa, USAID e ACMI garantiranno che lo faccia con integrità come pilastro fondamentale". Per stimolare la produzione di crediti ad alta integrità, l'ACMI sta collaborando con iniziative di integrità globale come l'Integrity Council for the Voluntary Carbon Market (IC-VCM) e il Voluntary Carbon Markets Integrity Initiative (VCMI), nonché altri mercati regionali del carbonio piattaforme.

ACMI ha rilasciato l'"Africa Carbon Markets Initiative, Roadmap report: Sfruttare i mercati del carbonio per l'Africa" all'evento di lancio della COP 27 dell'iniziativa. Il rapporto identifica 13 programmi d'azione per sostenere la crescita dei mercati volontari del carbonio (VCM) nel continente. Sebbene i mercati volontari del carbonio stiano già crescendo rapidamente - i pensionamenti dei crediti africani sono cresciuti in media del 36% all'anno negli ultimi cinque anni - sarà necessaria un'azione aggressiva per mantenere questo livello di crescita nei prossimi decenni.

Diverse nazioni africane, tra cui Kenya, Malawi, Gabon, Nigeria e Togo, hanno condiviso il loro impegno a collaborare con ACMI per aumentare la produzione di crediti di carbonio attraverso piani di attivazione volontaria del mercato del carbonio. Insieme, questi 7 paesi hanno un potenziale massimo per generare circa 300+ MtCO2e. Anche catturando il 25% di questo potenziale, ~75 MtCO2e sarebbero il doppio dei crediti totali emessi in tutto il continente nel 2021. Commentando l'annuncio, il vicepresidente della Nigeria e membro del comitato direttivo di ACMI, HE Yemi Osinbajo, ha dichiarato: "I mercati del carbonio possono offrire risultati straordinari vantaggi per la Nigeria e per l'Africa: creazione di posti di lavoro, promozione di investimenti ecologici e riduzione delle emissioni. La Nigeria sta mettendo in atto oggi le basi in modo che negli anni successivi, i crediti di carbonio diventino un'industria importante che andrà a beneficio della nostra gente".

ACMI sta anche lavorando con i principali acquirenti e finanziatori di crediti di carbonio, come Exchange Trading Group, Nando's e Standard Chartered , per stabilire un impegno di mercato anticipato per centinaia di milioni di dollari per crediti di carbonio africani ad alta integrità. Ad esempio, la mobilitazione di 500 milioni di dollari, a un prezzo medio di 10 dollari per credito di carbonio, potrebbe sostenere lo sviluppo e la consegna di almeno 50 MtCO2e, che equivalgono al totale dei crediti ritirati dall'Africa dal 2010 al 2020. Seguendo l'esempio di altri ACM nello spazio, ACMI intende inviare un forte segnale di domanda di crediti di carbonio in tutti i tipi di progetti, in particolare quelli in cui l'Africa ha un potenziale non sfruttato. Questi includono soluzioni basate sulla natura, progetti di energia rinnovabile, cucine e altro ancora.

L'iniziativa intende promuovere la domanda di crediti esistenti, o già in fase di sviluppo, nonché di prodotti e tipi di progetti innovativi che non hanno ancora un mercato e possono contribuire in modo sostanziale alla prosperità economica, ai mezzi di sussistenza e alla conservazione dell'ambiente in tutto il continente (ad esempio, disattivazione del diesel o crediti di biodiversità).

Ivan Duque, ex presidente della Colombia, e David Antonioli, CEO di Verra, hanno annunciato la creazione di un nuovo consorzio, il Nature Framework Development Group. Questa partnership tra Conservation International, Verra, International Union for Conservation of Nature, Conservation Finance Alliance, The Biodiversity Consultancy, Great Barrier Reef Foundation e Blue Nature Alliance con il supporto di McKinsey & Company, mira a sviluppare un credito natura/biodiversità leader di mercato. Il presidente Duque, che ha fatto l'annuncio come membro del comitato direttivo di ACMI, ha commentato: "creando crediti natura/biodiversità, il consorzio mira a sbloccare nuovi flussi di finanziamento per la protezione della biodiversità e degli ecosistemi critici". Bogolo Kenewendo,

ACMI mira a incoraggiare la conversazione, il coordinamento e l'azione verso lo sviluppo dei mercati volontari del carbonio in Africa. Joseph Nganga, membro del comitato direttivo e vicepresidente per l'Africa presso la Global Energy Alliance for People and Planet, ha invitato tutti a contribuire a questo importante sforzo: "Sostenere la rapida crescita dei mercati africani del carbonio non accadrà per caso, ma richiederà azione da parte di governi, sviluppatori e acquirenti. Insieme, possiamo sbloccare miliardi per i finanziamenti per il clima e lo sviluppo economico in Africa".