Copa-Cogeca: se Ue crede in biotecnologie agisca rapidamente

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 29 apr. (askanews) - Il Copa e la Cogeca accolgono con favore le principali conclusioni dello studio richiesto dal Consiglio europeo nel 2019 e condotto dalla Commissione europea sulle nuove tecniche genomiche (NGT). Questo rapporto, spiegano in una nota, apporta chiarezza scientifica a un dibattito essenziale, in particolare per quanto riguarda gli obiettivi ambiziosi fissati dalla strategia Farm to Fork. Le NGT forniscono "strumenti reali e concreti per trovare soluzioni ai problemi climatici, ambientali e di sicurezza alimentare presenti e futuri che dobbiamo affrontare nell'Unione europea. Se la Commissione vuole essere coerente, dovrà agire rapidamente per mettersi al passo con i suoi concorrenti ed essere puntuale con l'attuazione del Green Deal", chiede quindi il Copa-Cogeca.

Le conclusioni dello studio che la Commissione europea ha appena pubblicato oggi sulle NGT "sono chiare. In primo luogo, questo studio inverte la sentenza della Corte di giustizia europea e adotta un approccio fattuale e scientifico sulla questione, che la sentenza precedente era chiaramente mancante". Per la Commissione europea, queste nuove tecniche hanno il potenziale per contribuire a un sistema alimentare più sostenibile con razze più resistenti alle malattie e ai cambiamenti climatici, garantendo nel contempo soluzioni convenienti per agricoltori e consumatori. La Commissione riconosce inoltre che queste nuove tecniche non possono essere prese in considerazione nello stesso quadro di 20 anni stabilito per gli OGM.

Thor Gunnar Kofoed, presidente del gruppo di lavoro sui semi del Copa-Cogeca, definisce questo studio "un vero punto di svolta per gli agricoltori e le cooperative agricole. Sono convinto, come molti colleghi, che possiamo raggiungere alcuni degli obiettivi principali del Green Deal se abbiamo accesso a tecniche di mutagenesi semplici e precise nell'UE Gli agricoltori sono pronti a impegnarsi per gli obiettivi fissati dalla Commissione europea in quanto siamo i primi ad essere colpiti dal cambiamento climatico",

La Commissione intende ora avviare un processo di consultazione e una valutazione d'impatto sull'argomento. "Questo richiederà tempo - spiega - Lo stesso tempo che non saremo in grado di recuperare se consideriamo la concorrenza internazionale o l'andamento del Green Deal. Alla fine, saranno gli agricoltori a pagare il prezzo dell'esitazione. Chiedo alla Commissione di impegnarsi più fortemente e rapidamente se crede nelle conclusioni della sua stessa relazione".

Il Copa e la Cogeca concordano anche con lo studio della Commissione quando considerano che le NGT sono un insieme molto diversificato di tecniche e possono ottenere risultati diversi, con alcuni prodotti vegetali prodotti da NGT che non sono distinguibili dalle piante allevate convenzionalmente. Questo è il motivo per cui, considerando la pressione dei tempi, esortiamo la Commissione europea, il Consiglio e il Parlamento europeo ad approvare le piccole modifiche normative necessarie per quelle tecniche di breeding di precisione a taglio semplice al fine di progredire rapidamente nel miglioramento delle piante a livello europeo per affrontare il clima modificare.