Copa e Cogeca: in 2021 migliorerà raccolta cereali e semi oleosi

·3 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 5 lug. (askanews) - Dopo un anno complicato nel 2020 in tutta Europa, Copa e Cogeca prevedono risultati migliori per il raccolto 2021. Per i cereali, la produzione totale dell'UE-27 dovrebbe essere di circa il 3,8% superiore alla media del quinquennio, con circa 292,45 milioni di tonnellate raccolte, mentre per i semi oleosi la produzione UE potrebbe raggiungere la soglia di 30 milioni di tonnellate, l'1,6% oltre la media.

Nella prima previsione pubblicata oggi, il Copa e la Cogeca prevedono un aumento del raccolto di cereali dell'UE-27 dell'1,6% (292,42 milioni di tonnellate) a seguito di un'impennata delle piantagioni (52,10 milioni di ettari + 0,7%) e di migliori prospettive di resa rispetto al 2020. Per il frumento l'inizio della raccolta sarà ritardato di oltre una settimana a causa delle basse temperature primaverili e dell'eccessiva umidità delle ultime settimane, che hanno rallentato lo sviluppo delle piante. Il raccolto di grano tenero potrebbe raggiungere i 130 milioni di tonnellate (+7%) mentre la produzione di cereali primaverili è prevista in calo (-5,4% per l'orzo, -4,9% per l'avena, -4% per la segale e -0,8% per il mais) a causa del minori impianti compensati da un aumento della superficie totale a frumento (+4,7%).

Jean-François Isambert, presidente del gruppo di lavoro sui cereali, ha commentato: "queste prospettive positive per i cereali dovrebbero consentire la ricostituzione delle scorte finali dell'UE-27 per il 2021/2022. Ma queste buone cifre non si rifletteranno necessariamente sui profitti degli agricoltori in quanto affrontiamo costi di produzione crescenti".

Il prezzo dei fertilizzanti è infatti più alto in Europa che nel resto del mondo a causa della protezione da dazi doganali e misure antidumping che costano agli agricoltori europei 1,6 miliardi di euro l'anno. Se a ciò si aggiungessero meccanismi di adeguamento delle frontiere del carbonio, il prezzo dei fertilizzanti salirebbe alle stelle, aumentando ulteriormente il costo della produzione agricola in Europa, e rendendo più competitivo e attraente l'uso di alimenti importati.

I raccolti di semi oleosi dovrebbero aumentare dell'8,9% (30,12 milioni di tonnellate) nonostante un calo dell'1,3% delle piantagioni, ma le migliori prospettive di resa devono ancora essere confermate. Il raccolto di colza dovrebbe raggiungere i 16,75 milioni di tonnellate (+2,7%) mentre la produzione di girasole dovrebbe aumentare significativamente a oltre 10 milioni di tonnellate (+17,4%) e la soia a quasi 3 milioni di tonnellate (+ 20,2%).

Pedro Gallardo, presidente del gruppo di lavoro per i semi oleosi e le colture proteiche, spiega: "la superficie a colza dell'UE-27 è di 5,33 milioni di ettari, un valore significativamente inferiore (-7,6%) rispetto alla media tagliata di 5 anni (5,77 milioni di ettari). Gli agricoltori hanno bisogno di semi oleosi per allungare la rotazione dei cereali, ma non dispongono più di strumenti efficaci sufficienti per proteggere la colza dai parassiti. Senza una cassetta degli attrezzi sicura ed efficace a portata di mano, soprattutto dove gli agricoltori utilizzano già bassi livelli di pesticidi, è scientificamente provato che i raccolti saranno ridotti e quindi la sicurezza alimentare in futuro sarà minacciata".

Il Copa e la Cogeca chiedono procedure accelerate per portare sul mercato nuove soluzioni tecnologiche efficaci come nuovi prodotti fitosanitari, soluzioni di biocontrollo e varietà più performanti e per avere alternative prima di vietare gli strumenti esistenti di comprovata efficacia.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli