Copasir: centrodestra diviso, voci su intesa M5s-Lega

Rea

Roma, 8 ott. (askanews) - Si complica la questione della presidenza del Copasir: il centrodestra è ancora lontano da un accordo, e anzi si affacciano sospetti di accordi tra Lega e M5s. Tanto che la riunione dei capigruppo che oggi avrebbe dovuto trovare l'intesa sul nome da proporre, al momento non si terrà.

La presidenza del Comitato di controllo sui servizi spetta all'opposizione, ma allo stato attuale ogni partito del centrodestra ha in campo un suo candidato: Fratelli d'Italia vorrebbe la 'promozione' dell'attuale vice presidente, Adolfo Urso; Forza Italia tiene in campo Elio Vito; la Lega vorrebbe l'ex sottosegretario alla Difesa Raffaele Volpi, che oggi entra ufficialmente a far parte del Comitato al posto del collega di partito Riccardo Molinari.

In questo quadro, i boatos parlamentari ipotizzano un'intesa tra M5s e Lega per far passare Volpi, forte dei buoni rapporti intessuti al ministero della Difesa con il sottosegretario M5s Angelo Tofalo. Ipotesi contro cui tuona Ignazio La Russa: "Mi sembra irrealistico, sarebbe molto grave". Ma Riccardo Molinari, capogruppo leghista, risponde così: "Mi pare più grave che non ci sia un accordo nel centrodestra e che ogni partito abbia il suo candidato...". Molinari smentisce peraltro che fosse in programma un incontro tra i capigruppo del centrodestra: "È una questione che devono affrontare i leader".