In Coppa del Mondo successo delle spadiste azzurre a Tallinn

ROMA (ITALPRESS) – La giornata della Coppa del Mondo dedicata alle gare a squadre si è conclusa con tre podi di grande valore per l’Italia che, alla prima uscita stagionale, si conferma subito su alti livelli in tutte le armi. Oggi le spadiste azzurre si sono assicurate la vittoria, mentre hanno chiuso al secondo posto le sciabolatrici e i fiorettisti.
Grande vittoria delle spadiste azzurre, che a Tallinn hanno dominato la prova odierna con una formazione composta dalle due vicecampionesse mondiali a squadre Rossella Fiamingo e Federica Isola insieme a Giulia Rizzi e Roberta Marzani. Le ragazze del CT Dario Chiadò hanno disputato una gara di autorità, partita nel tabellone dei 16 col successo per 45-24 sul Canada, per poi superare anche i turni successivi contro Cina (36-28) e Francia (42-29). In finale la squadra italiana ha conquistato il primo gradino del podio battendo l’Ucraina col punteggio di 33-28 in un assalto in cui ha prevalso dall’inizio alla fine.
Prosegue da dove aveva lasciato il fioretto azzurro del CT Stefano Cerioni: l’anno scorso nella gara a squadre la formazione italiana aveva sempre centrato il podio e lo ha fatto anche oggi, all’esordio stagionale, con un secondo posto che sa di conferma. I campioni del mondo Daniele Garozzo, Alessio Foconi, Tommaso Marini e Guillaume Bianchi a Bonn si sono arresi soltanto in finale agli Stati Uniti. L’avvio della finale è stato negativo per i ragazzi italiani, che si sono trovati subito sotto 15-3, ma a quel punto è iniziato il tentativo di rimonta, che si è concretizzato soprattutto grazie alla penultima frazione di Marini, che ha portato i suoi compagni a -5. Sul finale nulla ha potuto Daniele Garozzo, che ha mantenuto il distacco fino al 45-40 che ha chiuso il match. Nei primi assalti di giornata gli azzurri erano avanzati agilmente superando 45-34 il Belgio, 45-20 la Cina e 45-38 il Giappone.
Sul secondo gradino del podio anche le sciabolatrici Rossella Gregorio, Martina Criscio, Eloisa Passaro e Chiara Mormile, che hanno sfiorato il successo, perdendo 45-44 la finale contro la Francia. Le azzurre sono state trascinate da una Martina Criscio in grande forma, che è stata autrice di una rimonta determinante a metà del match in cui ha portato il punteggio dal 20-11 al 25-23 per le transalpine e poi, nell’assalto conclusivo, ha provato a riprendere le avversarie fermandosi a una sola stoccata dall’impresa. Ottima prova, comunque, per il team italiano, che oggi aveva iniziato superando 45-31 il Canada e poi aveva battuto 45-36 l’Ungheria delle campionesse mondiali e 45-32 la Corea.
A Berna si sono fermati ai piedi podio gli spadisti Andrea Santarelli, Davide Di Veroli, Gabriele Cimini e Valerio Cuomo. Gli azzurri, infatti, hanno chiuso quarti dopo avere perso la finale per il terzo posto contro l’Ungheria col punteggio di 30-28. L’assalto per il podio è stato equilibratissimo e fino all’ultimo parziale la situazione era di assoluta parità (25-25), ma proprio nel match finale il magiaro Gergely Siklosi è riuscito a mettere a segno cinque stoccate contro le tre di Davide Di Veroli.
In precedenza la squadra italiana aveva vinto nel tabellone dei 32 contro Singapore per 45-34, poi ha superato la Colombia 44-38 e la Svizzera 35-29, fino alla sconfitta in semifinale contro la Corea, che ha avuto la meglio 45-36.
Quinto posto per gli sciabolatori medaglia di bronzo mondiale Luigi Samele, Luca Curatoli, Pietro Torre e Michele Gallo. I ragazzi del CT Nicola Zanotti hanno vinto nel tabellone dei 16 contro il Kazakistan 45-39, ma ai quarti hanno subito il 45-35 della Francia, che li ha esclusi dalla lotta per il podio. A seguire la squadra italiana ha raggiunto il miglior piazzamento possibile grazie ai successi ottenuti contro Giappone (45-39) e Ungheria (45-44).
I tre podi a squadre di oggi si aggiungono ai quattro che la delegazione azzurra ha conquistato tra venerdì e sabato con la vittoria di Alberta Santuccio nella spada femminile e i secondi posti di Michela Battiston nella sciabola femminile, Luigi Samele nella sciabola maschile e Alessio Foconi nel fioretto maschile.
– foto Ufficio Stampa Federscherma –
(ITALPRESS).