"Coprifuoco alle 23", la richiesta delle Regioni al governo

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·2 minuto per la lettura

Spostare il coprifuoco in Italia un'ora più avanti, cioè dalle 22 alle 23. E' questa la richiesta che le Regioni hanno avanzato al governo nella riunione di oggi. Lo confermano diversi governatori all'Adnkronos. L'orientamento del ministro Speranza, tuttavia, resterebbe per il coprifuoco alle 22.

E ancora: autorizzare i test fai da te per lo screening nelle scuole, in particolare, quanto avrebbe chiesto il presidente del Veneto Luca Zaia, a quanto apprende l'Adnkronos, nel corso della riunione in merito al rientro in presenza a scuola. Zaia avrebbe chiesto inoltre di fissare la percentuale di rientro a scuola in presenza nell'ambito dei tavoli regionali anche perché non ci sono mezzi di trasporto da acquistare per aumentare la flotta del tpl.

"Posticipare il coprifuoco almeno fino alle 23, altrimenti sarà inutile aprire i ristoranti la sera. Consentire di pranzare e cenare anche al chiuso, con le regole già previste per le zone gialle". Lo scrive sulla sua pagina Facebook il Presidente della Regione Liguria Giovanni Toti elencando quelle che sono le richieste avanzate dalle regioni al governo in vista del prossimo decreto. Tra queste anche l'ipotesi di "aumentare la didattica in presenza anche per le scuole secondarie, ma compatibilmente al sistema dei trasporti pubblici - scrive Toti - Non ci sono autobus da comprare sul mercato, anche se il Governo stanziasse i fondi. Dare la possibilità alle palestre di svolgere attività individuali".

E ancora: "Approvare al più presto le linee guida e le possibili date di ripartenza per fiere, congressi ed eventi come matrimoni e altre celebrazioni - conclude Toti - suggerimenti di buonsenso e compatibili, a nostro avviso, con la situazione del Covid. Speriamo vengano accolte"

Riaperture, coprifuoco, rientro a scuola. Il prossimo decreto Covid, contenente la road map della ripartenza dal 26 aprile, sul tavolo del Consiglio dei ministri che, a quanto apprende l'Adnkronos, dovrebbe tenersi nel pomeriggio di domani. Tra giovedì e venerdì si terrà un altro Consiglio dei ministri sul Recovery plan.

Il governo guidato da Mario Draghi sta mettendo a punto gli ultimi dettagli del provvedimento che sarà varato dopo la riunione del Comitato tecnico scientifico, convocata oggi per analizzare le linee sulle riaperture e il green pass per gli spostamenti, e un incontro con le Regioni.