Coprifuoco Italia, Andreoni: "Cautela, presto per toglierlo"

·1 minuto per la lettura

"La situazione in Italia è differente rispetto agli Usa e al Regno Unito. Non abbiamo ancora vaccinato i più giovani" e "per questo rimango cauto sulla riduzione del coprifuoco: capisco che si andrà verso uno spostamento dell'orario, ma non dobbiamo eliminarlo. Il virus circola ed è ancora presto". Lo sottolinea all'Adnkronos Salute Massimo Andreoni, direttore scientifico della Società italiana di malattie infettive e tropicali (Simit) e primario di Infettivologia al Policlinico Tor Vergata di Roma. Oggi la cabina di regia del Governo deciderà infatti sul cambio di passo sul coprifuoco, con possibile spostamento alle 23 o a mezzanotte.  

GUARDA ANCHE - Covid, via libera al test salivare. Come funziona?

"Il coprifuoco vale per tutti, ma è soprattutto indirizzato alla fascia di popolazione più giovane - ricorda Andreoni - Serve per evitare assembramenti notturni dovuti alla movida che, proprio in quella fascia, rischiano di creare focolai. La situazione epidemiologica sta evolvendo positivamente - osserva l'esperto - e proprio per questo dobbiamo procedere con attenzione e cautela, per non rovinare quello di buono fatto fino ad oggi con grandi sacrifici". 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli