Corbetta(Lega): S.Gerardo al collasso, accogliere richieste aiuto

Red
·1 minuto per la lettura

Milano, 9 nov. (askanews) - "Il San Gerardo di Monza è probabilmente l'ospedale italiano sottoposto in questo momento a maggior pressione nell'emergenza Coronavirus. Fra le cause di questa criticità, va sottolineata innanzitutto la presenza di 340 operatori sanitari positivi al Covid e quindi attualmente in quarantena". Così Alessandro Corbetta, consigliere regionale della Lega in Lombardia, che oggi ha scritto una lettera all'assessore Giulio Gallera e al Direttore Generale del welfare lombardo, Marco Trivelli, per sostenere e amplificare il grido d'allarme proveniente dal nosocomio monzese.

"La Asst Monza ospita in questo momento 450 pazienti Covid (355 al San Gerardo e 95 all'ospedale di Desio) di cui 43 in terapia intensiva (35 al San Gerardo e 8 a Desio) oltre a gestire anche un reparto di dieci pazienti positivi al virus nell'ospedale Fiera Milan" aggiunge. "Il San Gerardo di Monza, nella prima ondata del Covid, ha accolto pazienti da tutta Italia e da tutta la Lombardia. È arrivato il momento in cui questa solidarietà sia ricambiata" continua.

"Occorre un intervento in tempi rapidissimi, da parte del sistema sanitario regionale, finalizzato a reperire personale aggiuntivo per la Asst Monza e a dirottare i pazienti Covid di questo territorio in altri ospedali lombardi, che in questo momento sono sottoposti a minor pressione" prosegue Corbetta. "Ricordo che questa situazione ha portato alla difficile scelta della Asst di dover chiudere il pronto soccorso di Monza e di Desio ai codici verdi". "È assolutamente indispensabile - conclude Corbetta - un intervento di tutte le istituzioni coinvolte in tempi brevissimi: ne va della salute di tutti i pazienti, non solo di quelli positivi al Covid-19".