Corea del Sud, altri resti umani affiorano dal traghetto Sewol

Il relitto del traghetto Sewol, agganciato a una nave semi-sommergibile, è arrivato nel porto di Mokpo, in Corea del Sud. Il traghetto sudcoreano, affondato il 16 aprile 2014 a largo dell’isola di Jindo, è stato riportato alla superficie la scorsa settimane. Nel disastro sono morte 304 persone, in gran parte studenti liceali. Al bilancio delle vittime mancano ancora nove corpi, forse rimasti intrappolati nel traghetto.

“Ho chiesto alle isituzioni di salvare le vite dei nostri figli che erano a bordo, gli ho chiesto di salvare mio figlio. Dobbiamo darci da fare, invece di essere depressi e tristi”, dice la madre di uno dei dispersi.

I resti sono stati scoperti a bordo della nave, per identificarli sono stati inviati a bordo gli esperti del servizio di medicina legale nazionale e del ministero. Il traghetto, lungo 145 metri, è stato fatto riaffiorare al termine di una complessa operazione di recupero.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità