Corea Nord, Seul: "Lanciato missile Icbm nel mar del Giappone"

(Adnkronos) - La Corea del Nord ha lanciato un sospetto missile balistico intercontinentale (ICBM) nel mar del Giappone: lo fa sapere l'esercito sudcoreano. "Mentre rafforziamo il nostro monitoraggio e la nostra vigilanza, le nostre forze armate stanno mantenendo una posizione di piena prontezza in stretta collaborazione con gli Stati Uniti", ha detto il Comando in un messaggio di testo inviato a Yonhap. Il missile è arrivato a circa 210 km a ovest di Hokkaido.

Secondo Kyodo News, il primo ministro giapponese Fumio Kishida ha protestato con forza per il lancio e ha definito le provocazioni di Pyongyang "inaccettabili". "La Corea del Nord sta ripetendo le provocazioni a un ritmo senza precedenti e sono totalmente inaccettabili", ha detto.

Il ministro della Difesa giapponese ha sottolineato come il missile balistico intercontinentale lanciato avesse una portata sufficiente per colpire la terraferma degli Stati Uniti.

Il missile ha volato per circa 1.000 chilometri con una traiettoria "a sbalzo" e ha raggiunto un'altitudine di 6.000 chilometri, ha dichiarato il segretario di Gabinetto Hirokazu Matsuno a Tokyo, secondo quanto riportato da Kyodo.

Ieri il ministro degli Esteri nordcoreano Choe Son-hui ha avvertito che Pyongyang intraprenderà azioni militari "più feroci" se gli Stati Uniti rafforzeranno i loro impegni di sicurezza nei confronti della Corea del Sud e del Giappone. Pyongyang ha poi lanciato un missile balistico a corto raggio verso il Mar del Giappone.

Poco prima, la Corea del Sud aveva organizzato un'esercitazione di difesa missilistica navale "pre-pianificata" con gli Stati Uniti, ha riferito Yonhap. La situazione nella penisola coreana è attualmente molto tesa. Nelle ultime settimane la Corea del Nord, dotata di armi nucleari, ha condotto una serie di test missilistici. Gli osservatori temono che il primo test nucleare di Pyongyang sia imminente.

Usa

Gli Stati Uniti hanno condannato la Corea del Nord per il test. "Questo lancio è una sfacciata violazione di molteplici risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite e aumenta inutilmente le tensioni e rischia di destabilizzare la situazione della sicurezza nella regione", ha dichiarato in un comunicato la portavoce del Consiglio di Sicurezza Nazionale (NSC) degli Stati Uniti, Adrienne Watson. "Questa azione dimostra che [la Corea del Nord] continua a dare priorità ai suoi programmi illegali di armi di distruzione di massa e di missili balistici rispetto al benessere del suo popolo", ha dichiarato Watson.

"La porta non si è chiusa alla diplomazia, ma Pyongyang deve cessare immediatamente le sue azioni destabilizzanti e scegliere invece l'impegno diplomatico. Gli Stati Uniti prenderanno tutte le misure necessarie per garantire la sicurezza della patria americana, della Repubblica di Corea e degli alleati giapponesi", ha aggiunto.

Watson ha detto che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden è stato informato della situazione e che la vicepresidente Kamala Harris si sta "coordinando con i nostri alleati e partner nella regione" mentre si trova al vertice della Cooperazione economica Asia-Pacifico (APEC) a Bangkok.

I missili in grado di percorrere più di 5.500 chilometri sono considerati ICBM, missili intercontinentali cioè. Le risoluzioni delle Nazioni Unite vietano alla Corea del Nord di testare missili balistici di qualsiasi portata, alcuni dei quali sono in grado di trasportare una testata nucleare.