Corea, a Roma mostra di croci di filo spinato del confine Nord-Sud

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 29 ott. (askanews) - Il presidente della Repubblica di Corea Moon Jae-In, in Italia per il G20, ha inaugurato nella chiesa di Sant'Ignazio di Loyola a Roma la mostra "Il Filo Spinato diventa simbolo di Pace" con croci realizzate con il filo spinato della Zona Demilitarizzata, ovvero la striscia di terra che attraversa 250 chilometri della penisola e funge da zona cuscinetto tra la Corea del Sud e la Corea del Nord.

In mattinata Moon ha regalato al papa, che lo ha ricevuto in Vaticano, una di queste croci.

La mostra, organizzata da Ministero coreano dell'Unificazione, espone 136 croci che, insieme a candele gialle, formano la mappa della penisola coreana. Il numero 136 è la somma di 68 e 68: sono infatti 68 anni passati dal 1953, l'anno dell'armistizio, ossia il numero di anni in cui Corea del Sud e Corea del Nord hanno vissuto sinora come paesi divisi.

La mostra, gratuita e aperta al pubblico fino al 7 novembre, è un'opera ideata e realizzata dal professor Kwon Daehun, docente di scultura presso la Seoul National University. Per il suo allestimento si è avvalso della collaborazione della professoressa Son Hyeon Sook, ex docente all'Accademia di Belle Arti di Roma.

"Queste croci nate da un freddo e gelido filo spinato vogliono essere un caloroso messaggio di pace che parte dalla Penisola coreana per estendersi a tutto il mondo", si legge in una brochure di presentazione. "Queste croci vogliono essere una preghiera di pace e di speranza per la penisola coreana e per tutti gli angoli oscuri della terra addolorata dal conflitto e dalla discordia".

"Crediamo che la visita del papa alla Corea del Nord, se si realizzasse, contribuirebbe grandemente a costruire la pace nella penisola coreana", ha dichiarato nei giorni scorsi Lee Jong-joo, portavoce del ministero sud-coreano per la riunificazione citato dall'agenzia Yonhap: "Per questo abbiamo mantenuto la posizione di fornire sostegno a realizzare la visita se le relative discussioni procedono".

Moon è stato ricevuto una prima volta dal papa a ottobre del 2018. In quell'occasione, il capo di stato della Corea del Sud inoltrò verbalmente al pontefice un invito in Corea del Nord da parte del leader Kin Jong-un, "al quale - ricorda Yonhap - il Papa espresse la sua disponibilità a visitare il Nord se Pyongyang avesse inviato un invito ufficiale".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli