Coree, scambio di lettere affettuose tra Moon e Kim Jong Un

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 22 apr. (askanews) - Moon Jae-in lascerà la presidenza sudcoreana il 10 maggio e, nell'accomiatarsi, ha inviato una lettera al leader nordcoreano Kim Jong Un chiedendogli di riprendere il dialogo per la pace. Il numero uno di Pyongyang gli ha risposto in maniera insolitamente pacata, lodando gli sforzi del suo interlocutore e ha affermato che, se mossi da condivisa sincerità, i colloqui potrebbero andare avanti.

E' stata l'agenzia di stampa ufficiale nordcoreana, KCNA, a dare la notizia dello scambio epistolare, poi confermato dal portavoce della Casa blu. Non si tratta di uno scambio di affettuosità rituale, quello che è avvanuto tra Moon e Kim. Il presidente sudcoreano uscente, infatti, è stato il promotore di un tentativo di dialogo che ha portato a tre storici summit tra leader del Sud e del Nord e a due altrettanto storici vertici tra un capo nordcoreano e un presidente degli Stati uniti, Donald Trump.

Tuttavia gli esiti di questo approccio negoziale, concretamente, non hanno portato a grandi sviluppi. Quest'anno la Corea del Nord ha già effettuato almeno 13 test missilistici, tra quali quello di un nuovo vettore intercontinentale balistico (ICBM), mentre gli esperti sospettano che abbia in serbo a breve anche un nuovo test nucleare.

Moon, nella sua lettera, ha chiesto a Kim di riprendere decisamente la via dei colloqui con gli Stati uniti e sforzarsi per dialogare con il nuovo presidente sudcoreano Yoon Suk-yeol, secondo quanto ha detto il portavoce presidente Park Kyung-mee. "L'era dello scontro deve essere superata col dialogo", ha scritto Moon. Non sarà in realtà semplice: il successore Yoon è un conservatore che, durante la campagna elettorale, ha duramente criticato gli sforzi di Moon per il dialogo con la Corea del Nord.

Kim, dal canto suo, ha affermato che con la dichiarazione congiunta a cui si è arrivati durante la fase del dialogo, si sono raggiunte "conquiste indelebili" per la nazione coreana. "Sebbene ci sia ancora molto sulla lista dei desideri, continuo a credere che se il Sud e il Nord metteranno ci sincerità, sulla base degli sforzi fatti finora, le relazioni inter-coreane potranno procedere quanto vorremo".

Inoltre Kim ha espresso rispetto per "le pene e gli sforzi" di Moon per raggiungere la pace, durati "fino agli ultimi giorni del suo mandato".

L'apprezzamento di Kim per l'azione di Moon appare da un lato sincera: i due hanno avuto durante gli anni del disgelo un rapporto anche personale. Dall'altro però rappresenta una presa di posizione che fa presagire - secondo gli esperti - una relazione piuttosto tesa con il successore di Moon, Yoon, il quale propone una politica molto più dura nei confronti della Corea del Nord.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli