Coro di no al voto su Rousseau

webinfo@adnkronos.com

Coro di no per la decisione di far votare su Rousseau la proposta di progetto di governo. Dal gruppo parlamentare alla base 5 Stelle passando per chi sta seguendo le fasi di questa crisi di governo, non piace la scelta di dare o meno il via libera alla nascita dell'esecutivo 'giallorosso' col Pd passando per la piattaforma grillina. "Gli iscritti al MoVimento 5 Stelle hanno e avranno sempre l’ultima parola", si legge sulla pagina Facebook M5S. Ma gli oltre 6mila messaggi in risposta non lasciano adito a dubbi. "L'ultima parola dopo che avete già deciso!Deluso!Voto!", scrive Francesco. Gli fa eco Giulia: "Ma tanto avete già deciso perciò tutto questo per prenderci in giro". "Mi fate vomitare! In un anno di governo siete riusciti ad imparare come si fa ad essere il tonno all’interno della scatola", si legge nel post di Massimo. 

Sono in molti a chiedersi perché agli iscritti non sia stato chiesto prima se fare o meno questo governo con il Pd ("Usate la piattaforma Rousseau a vostro comodo", commenta Alberto), mentre condividono la loro delusione per i 5 Stelle e la volontà di non votarli più. "Non vi credo più! Alle prossime elezioni sarete finiti politicamente! Siete bugiardi e senza dignità!", scrive Maria. "Ma chi ha votato 5 stelle non l’aveva fatto per mandare a casa il PD????", chiede Emanuel. 

Su Twitter, in cui l'hashtag '#Rousseau' è primo in tendenza, sono molti a trovare "assurdo che in una democrazia parlamentare il Governo lo decidano gli iscritti sulla #Rousseau", scrive Trumpo. "Quindi oggi i 5S salgono al Colle a dire a Mattarella che i giorni aggiuntivi che lui ha malvolentieri concesso per condurre le estenuanti e tormentate trattative col PD non servono a un cazzo perché l'ultima parola spetta ai 100.000 iscritti su #Rousseau", fa notare La Sofy.  

"Io non mi preoccuperei: i risultati sono sempre stati quelli che voleva Casaleggio e lo saranno anche stavolta... #Rousseau #m5spd", si legge nel post dello scrittore e giornalista Paolo Roversi. "Voglio pensare che il ricorso alla piattaforma #Rousseau per ratificare l'accordo di governo sia l'effetto temporaneo di una botta di calore di fine estate", scrive Miliko.