Corona in carcere: le dichiarazioni della mamma

·2 minuto per la lettura
arresto fabrizio corona madre
arresto fabrizio corona madre

L’arresto di Fabrizio Corona continua a far discutere. La mamma Gabriella Previtera, attraverso il profilo Instagram del figlio, ha scritto un messaggio molto forte. La donna sostiene che il pargolo sia “perseguitato da un tipo di magistratura bigotta e priva di qualsiasi segno di sensibilità umana“.

Arresto Fabrizio Corona: parla la madre

Qualche giorno fa, Fabrizio Corona è stato arrestato ancora una volta e i filmati di quel momento hanno fatto il giro del web. L’ex re dei paparazzi, prima dell’arrivo delle forze dell’ordine, ha provato a tagliarsi le vene, poi quando ha visto gli agenti ha dato in escandescenze. Sua madre Gabriella Previtera era presente e le sue grida erano ben udibili. A distanza di qualche ora da quel momento, la signora ha pubblicato sul profilo Instagram del figlio un messaggio molto forte. Si legge:

“13/03/2021 Mamma Gabriella. Per la prima volta dopo tanti anni ti ho visto cambiato. Certo ancora i gravi problemi legati alla tua patologia sono da debellare del tutto, ma per i cittadini che in questa Italia cercano una giustizia giusta io dico che mio figlio è un perseguitato da un tipo di magistratura bigotta e priva di qualsiasi segno di sensibilità umana… A nome di tutte le madri che hanno i figli perseguitati io chiedo che questo abuso di potere finisca ..perché il mio cuore è a pezzi, ma il mio onore di cittadina che credeva nella giustizia è stato trafitto da una lama piena di veleno e cattiveria. Che Dio ci aiuti affinché la giustizia possa vincere sull’arroganza di chi non è in grado di capire”.

La madre di Corona, senza troppi giri di parole, crede che il figlio sia “perseguitato” dalla magistratura. Al momento, Fabrizio dovrebbe essere ancora ricoverato nel reparto di psichiatria dell’Ospedale Niguarda di Milano, dove ha iniziato lo sciopero della fame e della sete. L’avvocato Ivano Chiesa, in accordo con lo staff dell’ex re dei paparazzi, ha lanciato una petizione online per chiedere giustizia.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.