Coronavirus, è morto il sindaco di Mezzoldo Raimondo Balicco

Coronavirus, è morto il sindaco di Mezzoldo Raimondo Balicco

Un altro primo cittadino è morto per colpa del coronavirus: si tratta di Raimondo Balicco, sindaco di Mezzoldo, nel bergamasco. Il primo cittadino aveva 77 anni e risiedeva Villa d’Almè. Balicco ha contratto il virus nella prima settimana di marzo e ha subito accusato i sintomi influenzali. La situazione si è progressivamente aggravata fino al decesso, nella giornata di mercoledì 18 marzo.

Balicco era amico e confidente di un altro sindaco vittima di covid-19: Giorgio Valoti, primo cittadino di Cene. A differenza di Valoti però, che era sempre stato convinto leghista, Balicco non ha mai fatto parte di alcuna organizzazione politica. Lo piange tutta la comunità di Mezzoldo, paese della alta Valle Bembrana, e la sua famiglia: la moglie Ausilia e il figlio Paolo.

Coronavirus, morto Raimondo Balicco

Raimondo Balicco era stato sindaco per ben 10 anni, dal 2002 al 2012. Successivamente, era stato rieletto nel 2017. Tra le sue grandi passioni c’era la corsa in montagna, della quale era grande esperto. Il sindaco faceva infatti parte del Corpo Forestale dello Stato ed era stato eletto Commissario tecnico della Nazionale Italiana proprio della corsa in montagna.

Lo ha ricordato con affetto il suo vice, Domenico Rossi: “È stato una grande persona, non solo per Mezzoldo, ma per tutta l’Italia, conosceva tutto di tutti, ma in senso buono.Una forte amicizia lo legava con Giorgio Valoti, sindaco di Cene anch’egli morto per il coronavirus sabato scorso. Sarà ricordato, oltre che come amministratore, per la corsa in montagna: praticamente l’aveva inventata lui. Era allenatore della nazionale, aveva girato l’Italia e molti altri Paesi con i suoi atleti”.

Il sindaco di Lenna Jonathan Lobati ricorda invece: “È sempre stata una persona molto pacata, un amico, sempre disponibile a dare consigli e anche a tirarmi le orecchie per qualche scelta che non condivideva”. Alberto Mazzoleni, ex sindaco di Taleggio, commenta la scomparsa di Balicco: “Raimondo è stato un fiero rappresentante della nostra valle, un uomo che ha dato lustro alla montagna a livello italiano. Come Giorgio Valoti, un duro colpo per le istituzioni, che in questi drammatici giorni stanno perdendo persone di grande esperienza e attaccamento al territorio“.