Coronavirus: è morto Nelio Pavesi, consigliere comunale di Piacenza

nelio pavesi morto

Il consigliere comunale di Piacenza Nelio Pavesi è morto in seguito ad alcune complicanze legate al coronavirus. L’uomo, ricoverato in ospedale da alcuni giorni, è deceduto all’età di 68 anni. Erano risultati positivi ai test per Covid-19 anche la sindaca Patrizia Barbieri e l’assessore Jonathan Papamarenghi. Il cordoglio della prima cittadina lo ricorda come un uomo dal forte impegno politico.

Coronavirus, morto Nelio Pavesi

Aveva contratto il coronavirus ed era stato ricoverato all’ospedale di Piacenza: martedì 10 marzo è morto Nelio Pavesi, un consigliere comunale della Lega. L’uomo, di 68 anni, ha subito alcune importanti complicazioni che lo hanno condotto al decesso. Era stato consigliere comunale dal 1998 al 2002 e poi era tornato in politica in occasione delle elezioni del 2017.

“Tanti piacentini – ha dichiarato il sindaco – hanno avuto la fortuna di apprezzarne, come docente in diverse scuole di città e provincia, nonché al Conservatorio Nicolini, le doti umane, la competenza e l’amore per la musica, che lo ha accompagnato costantemente anche nella sua lunga e preziosa attività politica”. Inoltre, Nelio “si è speso con generosità e passione per promuovere e valorizzare il patrimonio culturale e artistico del nostro territorio, animato da una fervida volontà di lavorare per il bene comune. Fedele ai principi in cui credeva, ha saputo esternare le sue opinioni con schiettezza e sincerità rare, mai in modo strumentale ma sempre con l’obiettivo di costruire, insieme, un progetto di crescita per quella Piacenza a cui ha voluto bene con tutto se stesso”.

Il cordoglio

Il sindaco Patrizia Barbieri lo ricorda con queste parole: “La scomparsa di Nelio Pavesi ci lascia attoniti, profondamente scossi. Oggi piangiamo non solo una figura istituzionale stimata per il suo impegno politico e culturale, ma un amico che ha sempre avuto il coraggio di essere trasparente e onesto nell’esprimere il proprio pensiero, leale e coerente nel difendere le sue idee”.

“Oggi – conclude infine Barbieri – tributiamo il nostro omaggio sentito e commosso a un uomo di grande sensibilità, la cui capacità di mettersi a servizio degli altri, pur nella fermezza con cui portava avanti le sue idee, resta oggi di esempio per noi tutti. In queste circostanze così difficili, che non ci permettono di essere loro vicini come vorremmo, rivolgiamo ai familiari di Nelio Pavesi un pensiero e un abbraccio carichi di affetto, ben sapendo che la comunità piacentina, così come ciascuno di noi, non lo dimenticherà”.