Coronavirus, 212 casi su nave da crociera in California

vgp

Roma, 7 mar. (askanews) - Roma, 7 mar. (askanews) - 21 casi di coronavirus sono stati rilevati a bordo di una nave da crociera, con oltre 3500 passeggeri a bordo. La "Grand Princess" originariamente era destinata a raggiungere San Francisco.

Lo ha annunciato venerdì il vicepresidente americano Mike Pence, che coordina la lotta contro l'epidemia negli Stati Uniti. I campioni sono stati prelevati giovedì da 46 persone e 21 di loro "sono risultati positivi per il coronavirus", ha detto Pence in una conferenza stampa a Washington. Sono 19 membri dell'equipaggio e due passeggeri della Grand Princess, che aveva interrotto il suo viaggio in seguito alla scoperta dei sintomi in alcuni dei suoi 3.533 passeggeri e membri dell'equipaggio.

La nave dovrebbe attraccare questo fine settimana nella parte non commerciale di un porto, che non ha nominato. Inizialmente era previsto che la barca tornasse a San Francisco. All'arrivo, "tutti i passeggeri saranno nuovamente sottoposti a test per il coronavirus. Chi avrà bisogno di essere messo in quarantena sarà isolato, ha affermato il vicepresidente. I membri dell'equipaggio dovrebbero rimanere in isolamento in barca, ha detto, mentre i passeggeri dovrebbero sottoporsi a questi test nelle basi militari. Per il momento, i passeggeri non si lamentano "anche se potrebbe cambiare nel caso in cui restiamo bloccati nelle nostre cabine per troppo tempo", afferma Carolyn Wright, uno dei passeggeri.

La società di navigazione Princess Cruises possiede anche la Diamond Princess, che è stata messa in quarantena a febbraio in Giappone con oltre 700 infezioni, tra cui sei fatali.

Il coronavirus continua a diffondersi dal Nevada al Maryland, alle porte della capitale federale Washington fino ad ora ancora ufficialmente salvata, attraverso il Colorado. A causa del rischio di contagio, il sindaco di Austin, in Texas, ha annunciato la cancellazione del grande festival culturale South by Southwest (SXSW), che si sarebbe tenuto a metà marzo in città. Finora solo una manciata di persone infette è stata identificata in questo stato meridionale del paese, ma Netflix, Apple e Amazon avevano già annunciato che non avrebbero partecipato a SXSW, la cui edizione del 2019 e i suoi eventi associati avrebbero attratto più di 400.000 persone.

In totale, più di 200 persone sono state infettate in 19 stati degli Stati Uniti e almeno 12 sono morte, di cui undici nello stato di Washington (nord-ovest). A Seattle, epicentro dell'epidemia nel nord-ovest, l'Università di Washington ha annunciato la chiusura di tutti i suoi campus da lunedì fino alla fine di marzo. I 46.000 studenti interessati seguiranno i corsi e trascorreranno i loro parzialione dell'istituzione. Anche un campus della Northeastern University di Boston (nord-est) situato a Seattle passerà ai corsi online.

Visitando il Center for Disease Prevention and Control (CDC) di Atlanta, Georgia (sud-est) venerdì, Donald Trump è stato rassicurante. "Le persone devono mantenere la calma", ha detto, aggiungendo che i sintomi sono stati lievi per molti pazienti. Il capo di Tesla Elon Musk ha dichiarato a sua volta su Twitter: "Il panico attorno al coronavirus è stupido".

Più a nord, il Canada ha annunciato venerdì il suo primo caso di trasmissione "comunitaria" del coronavirus agli anni '50 nella Columbia Britannica. La contaminazione "comunitaria" riguarda una persona che non ha viaggiato in aree a rischio né è stata in contatto con un altro paziente noto.