Coronavirus, 23 casi confermati finora fuori da Cina, due sono Usa

Bea

Roma, 24 gen. (askanews) - Sono 23 fino ad ora i casi di coronavirus registrati al di fuori dalla Cina continentale, dove i morti sono già 26 e i contagi confermati oltre 800. Il secondo malato statunitense è stato confermato da poco dai Centers for Disease Control and Preventions: si tratta di una donna sulla sessantina residente a Chicago, arrivata da Wuhan, città cinese epicentro dell'epidemia, il 13 gennaio.

La maggior parte dei malati vive in Paesi asiatici e solo due negli Usa. Al momento non ci sono casi confermati in Europa. Oggi due nuovi casi sono stai registrati a Taiwan: il totale dei malati nell'isola sale perciò a tre. Cinque i casi in Thailandia, tre a Singapore, due a Hong Kong, due a Macao, due in Giappone, due in Vietnam, due, infine, in Corea del Sud.

Oggi il Regno Unito ha annunciato di aver testato 14 persone, tute negative, mentre a Bordeaux, in Francia, è stato ricoverato un sospetto malato. Per l'Italia da una riunione operativa stamani presso l'ospedale Spallanzani di Roma non è emerso "nessun allarme".