Coronavirus, 3.093 i casi positivi in Emilia-Romagna -4-

Red/Nav

Roma, 15 mar. (askanews) - Situazione ospedali. Sono 2.097 i posti letto già allestiti nell'intero territorio regionale per i pazienti colpiti da Coronavirus: 526 in più rispetto a ieri. È questo lo straordinario impegno messo in campo dalla rete ospedaliera dell'Emilia-Romagna in risposta al Piano regionale illustrato nei giorni scorsi dal presidente Stefano Bonaccini e dal commissario ad acta all'emergenza, Sergio Venturi, per far fronte all'espansione del virus.

In particolare, a Piacenza sono già 5 i Covid hospital in funzione e grazie anche all'accordo con le strutture private accreditate del territorio: la Casa di Cura Sant'Antonino in città, il San Giacomo a Ponte dell'Olio, l'Ospedale di Bobbio e le strutture di Castel San Giovanni e Fiorenzuola. A Parma, il padiglione Barbieri e il padiglione 26 dell'ospedale Maggiore (hub) operano come Covid hospital. Sono già pronti per diventare ospedale Covid Fidenza e Borgo Taro, nel parmense. Nel reggiano, a supportare l'hub di Reggio Emilia città (Arcispedale Santa Maria Nova Nuova) c'è Guastalla (ospedale Covid).

A Modena opera come hub il Policlinico (Baggiovara dà supporto per l'area intensiva). Pronti per diventare ospedali Covid Carpi, Mirandola e Sassuolo. A Bologna, nell'hub del Sant'Orsola, verrà riattivato a breve un padiglione dedicato, il 25. Già definito ospedale Covid il Bellaria, che funzionerà come tale anche per l'imolese.

Per Ferrara, in caso di necessità l'hub del Sant'Anna sarà supportato come Covid dall'ospedale del Delta. Infine, per la Romagna, agli hub di Rimini, Ravenna, Forlì-Cesena verranno affiancati come Covid hospital da Lugo e Riccione. (Segue)