Coronavirus, 52 sindaci a Fontana: test per asitomatici e medici

Fcz

Milano, 18 mar. (askanews) - Estendere i test diagnostici sul Coronavirus anche agli asintomatici, a partire dai familiari e da tutti quelli che hanno avuto stretti contatti con pazienti contagiati dal Coronavirus, e a tutto il personale sanitario impegnato in prima linea nella gestione dell'emergenza e proprio per questo più esposto al contagio. Lo chiedono 52 sindaci del centrosinistra dei comuni della Città Metropolitana di Milano in una lettera indirizzata al presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontamna. La richiesta è in sostanza quella di replicare in Lombardia il modello già adottato in Emilia Romagna e Veneto.

Nel documento si fa riferimento a recenti studi universitari, avallati dall'Oms, che dimostrano come molti casi di contagio da Coronavirus avvengono a causa dei soggetti asintomatici. "Abbiamo sostenuto da subito e senza esitazione le scelte di Regione Lombardia, con pieno spirito di collaborazione, nel rispetto dei compiti di ciascuno e con piena fiducia nel ruolo di guida della Regione e del Governo. Ma oggi scriviamo - sottolineano i sindaci del centrosinistra in un passaggio della lettera - con lo stesso spirito di rispetto e collaborazione che ci ha animato sino ad ora, per chiedere non solo un segnale, ma un cambio di rotta".