Coronavirus, 70 italiani fermi a Wuhan. Speranza: nr verde 1500

Coronavirus, 70 italiani fermi a Wuhan. Speranza: nr verde 1500

Roma, 28 gen. (askanews) – Ci sono una settantina di italiani bloccati a Wuhan, la megalopoli della Cina centrale da dove è partita l’epidemia di Coronavirus. La Farnesina “sta valutando l’idea di un loro trasferimento aereo”, anche se “complesso” e “su base volontaria”, ha riferito a Unomattina il capo dell’Unità di crisi del ministero degli Esteri, Stefano Verrecchia.

Il ministro della Salute, Roberto Speranza – a margine del convegno Airalzh sull’Alzheimer – da parte sua ha fatto sapere che il suo ministero “entrerà in funzione come Servizio sanitario nazionale nel momento in cui i connazionali torneranno in Italia per seguire i protocolli previsti a livello internazionale”.

“C’è un numero verde 1500 che è attivo 24 ore su 24, anche per rispondere ai dubbi. Tutte le indicazioni che sono sempre state date per l’influenza sono valide anche per questa nuova forma di Coronavirus. Il nostro centro di riferimento per le malattie infettive è lo Spallanzani di Roma, poi ogni regione ha individuato dei centri di riferimento su tutti i territori”.

E sulle mascherine protettive andate a ruba a Roma e nel Lazio, il ministro replica:

“È chiaro che c’è un bombardamento mediatico molto forte, questa ne è una conseguenza. Il mio messaggio al paese è che le istituzioni stanno facendo tutto quello che è nelle loro possibilità, la soglia dell’attenzione dell’Italia è tra le più alte a livello internazionale. C’è un rapporto costante con tutte le istituzioni internazionali e una task force che si riunisce tutte le mattine ed è attiva 24 ore su 24 per aumentare il livello dei controlli e monitorare i casi che si dovessero verificare”.