Coronavirus, 19 immigrati scappati da un centro in provincia di Campobasso

·2 minuto per la lettura
Coronavirus immigranti positivi Lazio
Coronavirus immigranti positivi Lazio

Sarebbero circa una ventina i migranti fuggiti da un centro di accoglienza a Campomarino, in provincia di Campobasso, dove erano stati sottoposti a quarantena precauzionale in attesa di esami più approfonditi per accertare la loro positività o meno al coronavirus. I migranti, arrivati nel centro d’accoglienza soltanto due giorni fa, erano infatti risultati tutti negativi a un primo test ma durante la notte tra il 2 e il 3 agosto sono riusciti a fuggire e a far perdere le proprie tracce nel territorio circostante. Sull’accaduto stanno al momento indagando gli agenti del commissariato di Termoli.

Migranti in fuga a Campobasso

I migranti fuggiti dall’ex struttura alberghiera Sweet Dreams, successivamente riconvertita a centro d’accoglienza, sarebbero in tutto 19, facenti parte di un più folto gruppo di 83 persone giunte nel centro da alcuni giorni. Proprio a causa della scarsa sicurezza dell’edificio, dal quale è estremamente facile fuggire nonostante sia presidiato dalle forse dell’ordine, il Comune di Campomarino ha deciso di presentare ricorso al Tar del Molise contro la decisione di ospitare i profughi in un hotel in disuso.

Una situazione ormai ingestibile da diverso tempo, come conferma lo stesso sindaco del comune molisano Pier Donato Silvestri: “Era una situazione prevedibile, questa soluzione di accoglienza non condivisa con noi. Non sappiamo se siano positivi o negativi perché hanno avuto contatto con i due ospiti di Campolieto che hanno il virus”.

Il commento di Giuseppe Conte

A proposito delle fughe di migranti registrate negli ultimi giorni in diverse zone d’Italia, tra cui quella di cinquanta tunisini scappati da una tensostruttura di Porto Empedocle, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha ribadito la necessità di essere duri e inflessibili contro questi fenomeni: “Non possiamo tollerare che si entri in Italia in modo irregolare e che in questo momento, dopo tanti sacrifici fatti dagli italiani, i risultati siano vanificati da migranti che tentano di sfuggire alla sorveglianza sanitaria.