Coronavirus, accordo per evitare crisi filiera bufalina Caserta

Apa

Roma, 18 mar. (askanews) - Ritirare tutto il latte prodotto dalle aziende e procedere alla produzione di prodotti alternativi atti alla conservazione e allo stoccaggio per tutto il latte in eccedenza, considerata la contrazione delle vendite. E' lo scopo del protocollo sottoscritto oggi per evitare la crisi della filiera bufalina casertana da Confagricoltura, Coldiretti, Cia Terra Felix, Confartigianato e CNA Campania Nord.

Le organizzazioni agricole e dei trasformatori, concordi sulla necessità di ritirare il latte dalle stalle per garantire la corretta gestione delle mandrie e il benessere animale, invitano i propri soci a collaborare per superare il difficile momento trovando le soluzioni più adeguate per gestire i conferimenti ed il ritiro del latte.

Nel momento di difficoltà tutta la filiera si deve unire nel trovare soluzioni che possano permettere anche in un momento successivo il sostegno delle istituzioni. Non produrre è impossibile per le aziende agricole, stoccare latte non è immaginabile per costi e problemi logistici, l'unica soluzione è trasformare in prodotti conservabili che potranno successivamente essere gestiti sui mercati nazionali ed internazionali anche con il sostegno del MiPAAF, che già ha in campo alcune iniziative, ma anche da parte della Regione Campania a cui sarà avanzata motivata richiesta.