Coronavirus, accordo Regione-Università Perugia su specializzandi

Red/Rus

Perugia, 18 mar. (askanews) - Siglato con procedura urgente in mattinata dal Rettore, Maurizio Oliviero e dalla Presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei, l'accordo che prevede l'immediata assunzione straordinaria di medici specializzandi, al fine di far fronte all'emergenza sanitaria causata dall'epidemia COVID-19.

L'accordo è volto a rendere disponibile, nel più breve tempo possibile, alle strutture del Sistema Sanitario regionale nuovo personale medico, avvalendosi delle procedure di reclutamento in deroga previste dal D.L. 9/3/2020.

Gli specializzandi, per la durata del rapporto di lavoro a tempo determinato e fino al perdurare dello stato di emergenza deliberato dal Consiglio dei ministri in data 31 gennaio 2020, resteranno iscritti alla scuola di specializzazione universitaria, svolgendo attività assistenziali coerenti con il livello di competenze raggiunto e affiancando, alle 32 ore settimanali di attività assistenziale previste, circa 6 ore settimanali di attività formativa teorica.

Il Rettore inoltre, nell'accordo, si è impegnato a nome dell'Ateneo a riconoscere le attività formative pratiche svolte dagli specializzandi quale parte integrante e sostanziale dell'intero ciclo di studi ai fini del conseguimento del diploma di specializzazione. Il periodo complessivo di studi dei neo-assunti medici, in questo modo, non subirà alcun prolungamento.(Segue)