Coronavirus, Agostini: “Meglio che muoia un renziano che uno del Pd”

Coronavirus, le parole di Agostini (Pd) su Renzi

Samuele Agostini, segretario dell’Unione Comunale Dem di Casciana Terme Lari, ha scritto un post su Facebook sul Coronavirus scatenando la furia di Italia Viva. “Se prendessi il virus e m’accorgo che sono spacciato, un minuto prima di mori’ prendo la tessera di Italia Viva. Sempre meglio che muoia un renziano che uno di sinistra. PS: non ho espresso un auspicio, spero resti una eventualità remota. E di campare almeno altri 60 anni dopo la scomparsa di Italia Viva”.

Coronavirus, le parole di Agostini

Come era ampiamente prevedibile, il post su Facebook ha provocato molte polemiche, scatenando le ire di molti esponenti di Italia Viva. Il primo a comunicare il suo disappunto è stato Marco Di Maio, deputato di Italia Viva: “Vergognoso augurarci la morte“. Ma anche il resto del Partito democratico ha preso le distanze dal post incriminato, dissociandosi ampiamente.

Marco Di Maio insiste: “Una vergogna che anche di fronte all’allarme sociale generato dal coronavirus ci sia chi non riesce a fermare l’odio politico per chi ha posizioni politiche diverse. Arrivando addirittura ad augurare la morte”.

La risposta del Pd

Il Pd intanto ha fatto sapere che si dissocia. “Condanniamo con forza quanto detto dal segretario Pd di Casciana Terme Lari, Samuele Agostini, che in un post su Facebook ha rivolto nei confronti di Italia Viva parole infamanti e offensive. Nella comunità democratica non troverà mai spazio l’odio e l’insulto contro i quali ci battiamo e ci batteremo senza guardare in faccia a nessuno”.