Coronavirus, Aics a sportivi: basta jogging, fate attività in... -2-

Red/Vep

Roma, 20 mar. (askanews) - Il presidente di Aics Bruno Molea sottolinea come "il decreto Cura Italia ha dimostrato grande attenzione allo sport sociale e di questo dobbiamo essere contenti e soddisfatti, ma molto altro è da fare e altre sono le misure che dovranno essere prese per sostenere un movimento che, in Italia, conta 8 milioni di persone e sprigiona migliaia di ore di volontariato e di lavoro, per un indotto economico miliardario".

"Come AiCS saremo vicini ai nostri territori anticipando il 50% dei contributi previsti sulle attività sportive già programmate per il 2019: si tratta di 200mila euro che dirameremo entro fine marzo ai nostri comitati provinciali e regionali. Una piccola boccata di ossigeno che allevierà un po' le pene di queste settimane ma che spingerà i territori a stare ancora più vicini ai propri sportivi offrendo loro attività da fare rigorosamente in casa. Lo sport fa bene: è vita e salute, un valido allenamento in casa può sostituire l'attività all'aria aperta, almeno per un po'. Siate coscienziosi e vogliatevi bene", conclude.