Coronavirus, Aifa: azioni per accesso precoce a terapie -3-

Cro/Mpd

Roma, 17 mar. (askanews) - Sono in fase di valutazione - riferisce ancora Aifa nella nota - altri protocolli sperimentali, sia indipendenti sia proposti da Aziende farmaceutiche, con ulteriori alternative terapeutiche che potrebbero rappresentare nuove opzioni. Tutti i protocolli sui nuovi farmaci/trattamenti saranno discussi nella prossima seduta della CTS prevista per giovedì 19 marzo. Sarà inoltre valutato il protocollo di studio dell'Organizzazione Mondiale della Sanità che consentirà di valutare l'efficacia comparativa di differenti strategie terapeutiche.

Per quanto riguarda gli ACE-inibitori e i sartani, l'AIFA ha emanato oggiun comunicato in cui si specifica che, alla luce delle attuali conoscenze, si raccomanda di: • non modificare la terapia in atto con anti-ipertensivi (qualunque sia la classe terapeutica) nei pazienti ipertesi ben controllati; • non utilizzare farmaci ACE-inibitori e sartani anche in persone sane a fini profilattici.

Aifa ha inoltre predisposto la proroga di 90 giorni per i Piani terapeutici Aifa e regionali (informatizzati e cartacei) e per la compilazione dei registri di monitoraggio AIFA (con l'eccezione dell'avvio dei nuovi trattamenti e dei farmaci innovativi), al fine di semplificare le procedure in questa situazione di emergenza. L'Italia dimostra così - conclude la nota - di essere in grado di promuovere la ricerca più avanzata e la sperimentazione clinica più innovativa sia sui farmaci che sui vaccini attivandosi in tempi brevi e con procedure snelle per contrastare efficacemente l'emergenza Covid-19. Ciò consentirà nei prossimi mesi di avere conoscenze affidabili sull'efficacia delle terapie attualmente disponibili.