Coronavirus, Al Gemelli una app dedicata ai pazienti oncologici

Redazione
·3 minuto per la lettura

ROMA (ITALPRESS) - E' una vera e propria visita virtuale per monitorare costantemente i pazienti sottoposti a radioterapia, quella che si effettuera' grazie al protocollo Generator Tracer RT, appena messo a punto presso la Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS. Un'apposita app per smartphone raccogliera' una serie di dati biometrici del paziente, anche collegandosi a dispositivi indossabili di tipo Internet of Things (IoT), come saturimetri, contapassi e smartwatch. Questi dati, elaborati attraverso sofisticati algoritmi di Intelligenza Artificiale, consentiranno di monitorare lo stato di salute dei pazienti sottoposti a trattamento radiante, garantendo un percorso terapeutico continuativo e a minore rischio di complicazioni, anche in un momento complesso come quello attuale.

Attraverso questo sistema di monitoraggio, co-sviluppato a partire dalla piattaforma Healthentia© (www.healthentia.com) la cui licenza d'uso durante la pandemia COVID-19 e' stata donata al Policlinico Gemelli dalla societa' belga Innovation Sprint Sprl, si raccolgono una serie di informazioni, dalle distanze percorse ogni giorno, alla saturazione di ossigeno nel sangue, considerate al momento preziose per l'individuazione precoce di una eventuale infezione da SARS-CoV-2 (COVID-19).

Questo sistema e' in grado anche di rilevare elementi utili per la valutazione della tossicita' legata al trattamento radiante durante il percorso di cura in radioterapia e nel primo periodo di follow-up.

"Il paziente oncologico - afferma il professor Vincenzo Valentini, Direttore del Gemelli ART (Advanced Radiation Therapy) e vicedirettore scientifico del Policlinico Germelli - incarna proprio l'individuo che, pur fragile, ha necessita' di recarsi presso un contesto ospedaliero esponendosi a notevoli rischi infettivi per ricevere le cure del caso. Allo stesso modo gli operatori sanitari, rapportandosi quotidianamente con i propri assistiti, risultano maggiormente esposti allo stesso rischio.

Sviluppare strumenti di tutela della salute non invasivi, sfruttando il meglio della tecnologia disponibile ed integrandola nei processi di cura e' il nostro obiettivo".

"Siamo consapevoli che la pandemia ha imposto una ridiscussione dell'approccio al paziente oncologico - afferma il dottor Luca Tagliaferri, Oncologo Radioterapista e referente per il progetto -tuttavia, grazie a ricerche come questa possiamo trovare nelle moderne tecnologie nuove opportunita' a favore dei nostri pazienti. Infatti i nostri assistiti potranno condividere con l'e'quipe dei curanti numerosi parametri sanitari e comportamentali, in maniera automatica o inserendo i dati in appositi questionari attraverso l'applicazione, consentendo cosi' di individuare i segni e sintomi precoci dell'infezione da COVID-19 o eventuali effetti collaterali delle cure. In questo modo si facilita un'immediata risposta sanitaria e quindi una ottimizzazione del processo terapeutico" "Una delle sfide piu' importanti della medicina moderna - sostiene il Professore Giovanni Scambia, Direttore Scientifico del Policlinico Gemelli - e' saper garantire una risposta di cura elevata per tutti i pazienti rivolgendo, al tempo spesso, un'attenzione specifica e personalizzata alle esigenze di ciascuno di essi, realizzando proprio quella che oggi definiamo Medicina Personalizzata".

"Questa attivita' - commenta il dottor Alfredo Cesario che partecipa al progetto come Open Innovation Manager della Direzione Scientifica - si colloca perfettamente nelle strategie di innovazione e trasformazione digitale dell'Istituto. Grazie all'utilizzo di tecnologie avanzate smart e' possibile non solo agire in reazione all'evidenza di una situazione misurata oggettivamente ma, attraverso gli algoritmi di Intelligenza Artificiale a supporto della piattaforma, sviluppare anche dei modelli predittivi che consentiranno di anticipare l'individuazione di segnali d'allarme per poter agire tempestivamente. L'ingaggio dei pazienti ed operatori e' al cuore della Medicina Personalizzata, una delle discipline per le quali e' stato riconosciuto il carattere scientifico al nostro Istituto".

"Questo protocollo di ricerca, promosso dalla Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS - conclude il professor Valentini - si inserisce nel framework del progetto Gemelli Generator Real World Data, una nuova infrastruttura che, dotata di tecnologia all'avanguardia, consente di analizzare contemporaneamente e valorizzare le grandi quantita' di dati ed informazioni reali, contenuti nei vari database della Fondazione, al fine di migliorare le potenzialita' diagnostiche e terapeutiche".

(ITALPRESS).

pc/com