Coronavirus: alcune medicine potrebbero aumentare rischio contagio

coronavirus medicine

Alcuni scienziati inglesi hanno affermato che chi soffre di ipertensione e diabete potrebbe essere a maggior rischio di sintomi di coronavirus gravi o fatali, a causa del funzionamento dei loro medicinali. I farmaci, infatti, sono inibitori e bloccanti del recettore dell’angiotensina e possono cambiare la forma delle cellule in modo da facilitare l’infezione del coronavirus e causare una malattia più grave.

Secondo quanto riportato dal Daily Mail, tali farmaci molto comuni sono stati prescritti quasi 65 milioni di volte in Inghilterra durante il 2019. Il costo si aggira intorno ai 100 milioni di sterline. Inoltre, si stima che circa il 10% delle persone nel Regno Unito – circa 6,6 milioni – li prenda regolarmente.

Un articolo pubblicato sulla prestigiosa rivista medica britannica The Lancet Respiratory Medicine ha studiato come il coronavirus si attacchi alle cellule delle persone per infettarle.

Coronavirus: rischio contagio da alcune medicine

Gli scienziati affermano che la ricerca non dimostra un legame tra i farmaci e il grave COVID-19, ma che una potenziale connessione dovrebbe essere studiata più da vicino.

Altri fattori di rischio per l’infezione da coronavirus grave o mortale includono l’età – il decesso è più probabile per coloro che hanno superato gli 80 anni – e le malattie cardiache. Anche le persone con un sistema immunitario debole, come i malati di cancro o quelle con patologie polmonari a lungo termine, sono a rischio più elevato, ma non hanno alcuna garanzia di ammalarsi gravemente.

Al momento il numero di pazienti con coronavirus confermati nel Regno Unito sono 590. In tutto sono 10 le vittime. Il governo dice che 5.000-10.000 persone potrebbero essere infette.