Coronavirus, altra vittima nell'Arma dei Carabinieri

·1 minuto per la lettura
morto covid maresciallo capenti
morto covid maresciallo capenti

Lutto a Fabriano: è morto a 47 anni i marescaillo dell’Arma dei Carabinieri Stefano Capenti, dopo una battaglia lunga contro il covid. Lascia moglie e figlio di 16 anni. Negòi anni era diventato il punto di riferimento dell’intera comunità.

Covid: morto maresciallo Capenti

Il covid miete un’altra vittima all’interno dell’Arma dei Carabinieri: a Fabriano è morto all’età di 47 anni il maresciallo Stefano Capienti.

Capienti aveva contratto il coronavirus, e per giorni aveva combattuto strenuamente, ma alla fine non ce l’ha fatta. Lascia la moglie e il figlio di 16 anni, ma anche l’intera comunità di Fabriano, profondamente scossa dal lutto.

Punto di riferimento

Stefano venne accolto tra le fila dell’Arma del 1994 come Allievo Carabiniere Ausiliario. Nel 1998 ha frequentato il Corso Biennnale degli Allievi Marescialli, prestando in seguito servizio dapprima presso il secondo Battaglione Carabinieri Liguria, poi presso la stazione di Peschiera Borromeo (MI).

Nel 2018 è diventato Comandante, ma per i suoi concittadini fabrianesi è rimasto sempre l’uomo gentile e disponibile, pronto a diventare un vero e proprio punto di riferimento, servendo il Paese con passione, umiltà e dedizione.

Il Comandante Generale Teo Luzi, con tutta la famiglia dell’Arma dei Carabinieri, si unisce al dolore dei familiari e di tutti coloro che lo hanno conosciuto, stimato e amato.