Coronavirus, anziana in Lazio attende 10 ore un posto in ospedale

·1 minuto per la lettura
coronavirus anziana roma
coronavirus anziana roma

Un’anziana ha aspettato per 10 ore l’arrivo di un’autombulanza per coronavirus a Roma. Il motivo? I reparti sono pieni e non c’è posto.

Questa la storia di un’anziana che per 10 ore ha atteso l’arrivo del pronto soccorso nel pieno di problemi respiratori causati dal covid-19 e aggravati dalla pregressa patologia di Alzheimer. Solo alle prime luci del mattino si è liberato un posto al Filippo Neri di Roma e la donna è potuta entrare nella struttura. Il caso non è isolato, difatti nell’ospedale diverse autombulanze si fermano con i pazienti a bordo in attesa di un ricovero.

Il problema degli ospedali sovraffollati non interessa soltanto il Lazio: anche in Campania sono stati disposti altri posti letto, precisamente 16, all’ospedale Cotugno di Napoli dopo l’impennata di contagi. La Regione in questione, attualmente, insieme alla Lombardia è quella che conta più postivi in tutta Italia. Per questo motivo, il governatore Vincenzo De Luca ha disposto la chiusura delle scuole, per fare poi un passo indietro e scegliere la riapertura soltanto a distanza di una settimana.

Coronavirus, Roma: anziana attende soccorsi

La donna proveniva dall’Rsa Azzurri, un focolaio laziale che ha già visto coinvolti in casi di covid-19, un quarto dei pazienti e 4 dipendenti. Sono stati gli stessi responsabili della struttura ad allertare il pronto soccorso del San Filippo Neri quando la donna si è sentita male. La paziente si trovava all’interno della casa di riposo per anziani quando ha atteso tutta la notte l’arrivo dei soccorsi.