Coronavirus, appello Msf: proteggere il personale medico

(Segue)

Roma, 16 mar. (askanews) - Mentre il numero di persone contagiate dal Covid-19 aumenta rapidamente in molti paesi dell'Europa, attuale centro dell'epidemia, Medici Senza Frontiere (MSF) lancia un appello a tutti gli Stati membri perché dimostrino solidarietà al di là dei propri confini nazionali. Forniture mediche essenziali, inclusi dispositivi di protezione individuale a partire dalle mascherine per proteggere gli operatori sanitari, devono essere inviate con urgenza dove sono più criticamente necessarie.

In Italia, dove MSF sta supportando quattro ospedali nel lodigiano, la carenza di dispositivi di protezione nonostante tutti gli sforzi delle autorità sanitarie è allarmante e lascia il personale medico in prima linea pericolosamente esposto al virus. La mancanza di questi dispositivi alimenterà l'epidemia e ostacolerà la capacità di salvare vite. Secondo gli ultimi dati dell'Istituto Superiore di Sanità, circa 1.700 operatori sanitari in Italia, pari all'8% dei casi totali di coronavirus nel paese, sono stati contagiati mentre assistevano giorno e notte il crescente numero di pazienti gravi, che richiedono degenze lunghe e cure specialistiche in terapia intensiva.