Coronavirus, Area DG: prorogare presa possesso giovani magistrati

Red/rus

Roma, 26 mar. (askanews) - "Una delle implicazioni della sospensione dell'attività giudiziaria, per effetto dell'epidemia da Coronavirus, investe il tirocinio dei Mot in corso di svolgimento, sia generico che mirato. La sospensione pressoché totale delle attività fino al 15 aprile, e la successiva fase di auspicato lento e progressivo riavvio delle attività giudiziarie fino al 30 giugno, privano i Mot di un lungo periodo di frequentazione degli uffici e di pratica giudiziaria". Così in una nota il coordinamento di AreaDG, l'associazione delle toghe progressiste.

"Questo prolungata stasi si ripercuoterà sulla loro preparazione al momento dell'assunzione delle funzioni. È una eventualità che va assolutamente scongiurata - aggiunge -. Non è ipotizzabile poi che il tirocinio prosegua dopo l'assegnazione delle funzioni, perché tale rimedio non appare assolutamente adeguato. L'unica soluzione possibile è quella di ritardare la presa di possesso per un periodo corrispondente all'interruzione dell'ordinaria attività giudiziaria e, quindi, non inferiore, allo stato, a quattro mesi. Tale proroga richiede un intervento normativo del quale sia il CSM che l'ANM si possono fare promotori. Nel frattempo è importante che le attività di formazione teorica e pratica dei MOT non si interrompano completamente, e proseguano, nei limiti del possibile, attraverso il contatto a distanza con gli affidatari e l'organizzazione di corsi e-learning ai quali la Scuola sta meritoriamente già lavorando".