Coronavirus, Aricò: Roma non vanifichi rigide misure siciliane

Xpa

Palermo, 23 mar. (askanews) - "Siamo al fianco di Nello Musumeci, sosteniamo con convinzione il suo accorato e sacrosanto appello al governo nazionale, i mancati o insufficienti controlli dello Stato sugli arrivi nello Stretto di Messina rischiano di vanificare i sacrifici di milioni di siciliani e di mettere a repentaglio migliaia di vite umane. Le misure rigide adottate qui in Sicilia per contrastare il Coronavirus hanno finora limitato il diffondersi del contagio, ma per continuare a produrre effetti positivi devono ricevere piena collaborazione e totale supporto dal governo nazionale". Lo ha affermato Alessandro Aricò, capogruppo all'Ars di DiventeràBellissima, intervenendo anche sulla richiesta da parte delle opposizioni di una convocazione urgente dell'Ars.

"Siamo favorevoli - ha aggiunto -, così come anche alla ripresa dell'attività delle Commissioni parlamentari. Lo abbiamo già detto durante l'ultima seduta quando l'assessore Razza ha relazionato su tutte le misure assunte o previste contro il Coronavirus, proprio nell'ottica di una condivisione e di un confronto costruttivo. Indipendentemente dalle appartenenze politiche il Parlamento siciliano faccia fronte comune con Musumeci: lui rappresenta tutti i siciliani, rinunciamo agli individualismi per tutelare la salute dei nostri conterranei e pretendere dal governo nazionale provvedimenti e controlli indispensabili per affrontare nel miglior modo possibile e tutti insieme l'emergenza Coronavirus".