Coronavirus, Arisa: Milano riparta dallo sport e dal benessere

fcz
·1 minuto per la lettura

Milano, 27 feb. (askanews) - "Facciamo ripartire Milano dallo sport e dal benessere fisico". E' l'appello lanciato da più di 5 mila tra palestre, centri fitness, piscine e poli sportivi di Milano costretti alla sospensione di tutte le attività per effetto delle ordinanze approvate in Lombardia nel tentativo di limitare la diffusione del Coronavirus. "Per gli operatori del nostro settore è una situazione di grande difficoltà, perché non è possibile svolgere qualsiasi tipo di attività fisica e sportiva negli impianti di tutto il territori", denuncia Marco Contardi, presidente di Arisa, l'Associazione delle imprese dello sport, delle arti e del benessere fisico che aderisce alla Confcommercio di Milano. "Si tratta - aggiunge - di una restrizione fortemente impattante. Fino a settimana scorsa, nei nostri centri sportivi e nelle palestre migliaia di milanesi, oltre a fare attività legate allo sport ed al benessere fisico, svolgevano anche attività relative al recupero motorio come ginnastica dolce e psicomotricità. Tutte queste forme di attività necessarie, in particolare per i bambini e per gli anziani, sono di fatto oggi bloccate con conseguenti gravi disagi se le restrizioni dovessero perdurare". Arisa si rivolge alle istituzioni regionale chiedendo di valutare la possibilità di riaprire tutte le palestre e i centri sportivi "oggi in forte difficoltà a Milano e hinterland".