Coronavirus, tornano a crescere casi nella provincia di Hubei

webinfo@adnkronos.com

"Il numero di casi confermati di Covid-19 nella provincia di Hubei, in Cina, è aumentato per due giorni consecutivi dopo un periodo di declino. L'Oms sta monitorando la situazione e sta lavorando per comprenderne il possibile significato". Lo evidenzia l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), nel report giornaliero sulla situazione riguardante il Covid-19. 

L'Oms registra a oggi 87.137 casi confermati nel mondo (1.739 nuovi), di cui 79.968 in Cina (579 nuovi), Paese che registra anche 2.873 morti (35 nuove). Al di fuori della Cina sono 7.169 i casi confermati (1.160 nuovi) in 58 Paesi (5 con nuovi casi nelle ultime 24 ore: Azerbaijan, Ecuador, Irlanda, Monaco e Qatar) e 104 morti (18 nuove). 

Intanto, si allunga di giorno in giorno l'elenco delle aree della Cina che hanno abbassato il livello di emergenza portato nelle scorse settimane al grado massimo nel quadro delle misure di contrasto alla diffusione del nuovo coronavirus. Secondo i media ufficiali, sono ormai 16 le province del gigante asiatico che hanno abbassato il livello di allerta. L'ultima in ordine di tempo, stando all'agenzia Xinhua, è quella di Zhejiang, dove le autorità hanno deciso di passare dal livello 1 - il più grave - al livello 2. Al primo marzo, i casi confermati di nuovo coronavirus nella provincia erano 1.205 con 1.050 persone dimesse dagli ospedali.