Coronavirus, aumentano i morti (+39). Meno casi ma con meno tamponi

Federica Olivo
·Giornalista, Huffpost
·4 minuto per la lettura
- (Photo: EPA)
- (Photo: EPA)

In calo i nuovi contagi da Covid in Italia, ma pesa sempre l’“effetto weekend”, con i pochi tamponi effettuati. Sono 4.619 i nuovi positivi oggi (ieri 5.456), con 85.442 tamponi, quasi 20mila meno di ieri. Impennata del numero di decessi: 39 oggi contro i 26 di ieri. E’ quanto emerge dal bollettino quotidiano del ministero della Salute. La percentuale tra il totale dei tamponi effettuati e i positivi rilevati è del 5,39.

Prosegue costante l’aumento dei ricoveri in terapia intensiva per Covid: nelle ultime 24 ore sono 32 i nuovi pazienti nelle rianimazioni che portano il totale a 452. Ha raggiunto quota 82.764 il numero degli attualmente positivi, con un incremento di 3.699 nelle ultime 24 ore: di questi, oltre a quelli in rianimazione, 4.821 sono ricoverati nei reparti ordinati (+302) e 77.491 sono in isolamento domiciliare (+3.355). I dimessi e i guariti, infine, sono 891 più di ieri per un totale dall’inizio dell’emergenza di 240.600.


Tra le regioni, per il quarto giorno consecutivo, è la Lombardia ad avere l’incremento più alto, con 696 casi. Seguono la Campania (+662), la Toscana (+466), il Piemonte (+454), il Lazio (+395) e il Veneto (+328). Nessuna regione fa segnare zero nuovi contagiati.

Aumento di casi in Lazio, ma con più test: “Su circa 14mila tamponi, un vero record per la domenica, oggi nel Lazio si registrano 395 casi, 8 decessi (di cui 5 sono recuperi di notifiche) e 107 i guariti”. Lo dice l’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato.

Restano alti, ma stabili, i contagi in Campania. Nelle ultime 24 ore i nuovi casi di covid-19 segnalati dall’unità di crisi della regione sono 662 su 7.405 Tamponi. Nella giornata di ieri i positivi erano stati 633 su 9.232 Tamponi.
Non ci sono nuovi casi di decesso, mentre si registrano 130 guariti.
Il totale dei contagi segnalati dall’inizio dell’emergenza covid in campania ammonta a 19.192 Su 690.109 Tamponi processati, i deceduti sono 479 e i guariti 7.487.

Numeri importanti anche in Lombardia, con 696 casi e tre decessi. I tamponi effettuati nelle ultime 24 ore sono stati 13.934, portando il totale complessivo a 2.332.922. I guariti e dall’inizio della pandemia sono 83.353 (+163), di cui 1.472 dimessi e 81.881 guariti. I pazienti in terapia intensiva sono 50, ben 2 più di ieri. I ricoverati non in terapia intensiva sono 463, 30 più di ieri. I decessi sono 16.988, 3 più di ieri. La provincia più colpita è Milano con 363 casi, di cui 184 a Milano città. A Bergamo i nuovi pazienti sono 45, a Brescia 44 e in provincia di Monza e Brianza 41.

In Piemonte si registra oggi un forte incremento del numero dei ricoverati con sintomi del Coronavirus, +79, mentre la pressione sui reparti di terapia intensiva rimane bassa, anzi si registra un calo di 2 ricoverati, che fa scendere il totale a 22. Negli altri reparti i ricoverati in terapia intensiva sono 457 - secondo quanto riporta il bollettino dell’Unità di crisi regionale. Anche oggi comunicati 3 decessi; + 454 contagi (ieri 409, sabato 499) a fronte di un numero quasi identico di esiti di tamponi (oggi 6486, ieri 6480). Gli asintomatici sono 272; sul totale dei casi 72 provengono da ambito scolastico, 9 da rsa. I nuovi guariti sono 44, altre 495 persone sono “in via di guarigione”. Le persone in isolamento domiciliare sono 4.984.

Il Veneto registra 328 nuovi casi di positività al Coronavirus nelle ultime 24 ore, e una vittima in più. Lo afferma il bollettino della Regione. Prosegue quindi il trend di forte ripresa dei contagi,, su ritmi simili a marzo-aprile scorsi. Il numero totale di infetti sale a 31.831, quello dei morti (tra ospedali e case di riposo) si porta a 2.219 (+1). Scende rispetto a ieri il dato dei soggetti in isolamento, 11.019 (-392), dei quali 3.369 positivi. Riprendono a crescere, invece, i ricoveri nei normali reparti ospedalieri, 339 (+8), e quelli in terapia intensiva, 37 (+5).

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.