Coronavirus, benedice salma: denunciato parroco nel Napoletano

Psc

Napoli, 14 mar. (askanews) - Ha benedetto una salma ai tempi dell'emergenze Coronavirus: a Torre Annunziata, in provincia di Napoli, i carabinieri della locale Compagnia e gli agenti della polizia municipale, hanno denunciato il parroco di una chiesa e il titolare di un'agenzia di pompe funebri. Avevano organizzato una benedizione funebre durante la quale erano presenti molte persone.

  • Coronavirus, Fabrizio Corona e la festa di compleanno in quarantena
    Notizie
    notizie.it

    Coronavirus, Fabrizio Corona e la festa di compleanno in quarantena

    In barba ai divieti imposti per l'emergenza Coronavirus Fabrizio Corona ha dato una festa per il suo compleanno.

  • Prodi: "Se succede la grande crisi gli olandesi a chi venderanno i tulipani?"
    Notizie
    Adnkronos

    Prodi: "Se succede la grande crisi gli olandesi a chi venderanno i tulipani?"

    "Una grandissima parte della società ha reddito zero, bisogna pensare a come ricostruire la struttura economica del Paese, come ricostruire l'Italia quando saremo fuori da questo dramma, dobbiamo prepararlo adesso, con urgenza". Lo ha affermato Romano Prodi, ospite a 'Che tempo che fa'. Poi, a proposito dei veti che stanno bloccando le decisioni dell'Unione europea, ha osservato: "Ma gli olandesi se succede la grande crisi a chi venderanno i tulipani?". "E' come la guerra, il paragone di Draghi è scientificamente giusto - ha detto Prodi - Non è la crisi del 2008 che parte dalla finanza e poi prende il resto dell'economia, prende tutti: i ristoratori e quelli che devono andare a mangiare".  In Europa, ha aggiunto, "non c'è una strategia per il futuro", ma "il gruppo di Paesi che rifiuta l'austerità per definizione è diventato molto più forte. Finalmente il pericolo è percepito. Il primo passo della Banca centrale europea ci aiuta", ma occorre una "strategia comune e un forte incentivo immediato per le imprese come stanno facendo in America: famiglie e imprese, perché è una crisi dell'offerta e una crisi della domanda".

  • Coronavirus, Pregliasco: "Riaperture graduali e per fasce d'età"
    Notizie
    Yahoo Notizie

    Coronavirus, Pregliasco: "Riaperture graduali e per fasce d'età"

    Secondo il virologo è necessario considerare caso per caso anche uno scaglionamento per fasce d'età

  • Coronavirus, Trump: "Harry e Meghan devono pagarsi la sicurezza"
    Notizie
    Adnkronos

    Coronavirus, Trump: "Harry e Meghan devono pagarsi la sicurezza"

    Harry e Meghan "devono pagarsi la loro sicurezza" negli Stati Uniti. Con poca eleganza, lo scrive sul Twitter il presidente americano Donald Trump, dopo che i media hanno riportato la notizia che i duchi di Sussex si sono trasferiti a Los Angeles presso la madre di lei. "Sono un grande amico e ammiratore della Regina e del Regno Unito. E' stato riferito che Harry e Meghan, che hanno lasciato il Regno, risiederanno permanentemente in Canada. Ora hanno lasciato il Canada per gli Usa, tuttavia gli Usa non pagheranno per la loro sicurezza. Devono pagare!", ha twittato il presidente, dopo che il magazine People aveva riportato la notizia, da fonte anonima, dell'arrivo in California di Harry e Meghan.  Un articolo sul Daily mail aveva poi fatto speculazioni sulla possibilità che la coppia potesse chiedere agli Stati Uniti di sostenere i costi della loro sicurezza. Comunque sono stati gli stessi Duchi a chiarire di non voler chiedere nulla a Washington. "Il Duca e la Duchessa di Sussex non hanno intenzione di chiedere risorse per la sicurezza al governo americano. Sono stati presi accordi finanziati privatamente", recita una loro dichiarazione. La Dysney aveva annunciato che Meghan, attrice e cittadina americana, sarebbe stata la voce narrante del documentario "Elephant". Non è chiaro se il progetto andrà avanti in piena crisi coronavirus. Harry e Meghan cesseranno formalmente i loro doveri reali il 31 marzo. Secondo i media, i Duchi di Sussex non amano molto Trump. E al loro matrimonio la scelta di non invitare esponenti politici sarebbe stato un escamotage per evitare l'arrivo del presidente americano.

  • Che cosa si è visto nella terza domenica del #restoacasa
    Notizie
    AGI

    Che cosa si è visto nella terza domenica del #restoacasa

    Parmigiana: La corona di alloro passata di balcone in balcone per recapitarla alla vicina appena laureata in Medicina lontana dai parenti. E poi la parrucchiera forzatamente a riposo che si è riciclata in cuoca e cucina per i vicini, quelli che vanno in farmacia per chi non può muoversi. A Unomattina in famiglia Monica Setta intervista anche Paolo Masini che ha istituito il premio “Mamma Roma” per premiare le iniziative condominiali più belle. Per l'ex parrucchiera che cucina c'è una curiosità da soddisfare. Cosa chiedono di più? “La parmigiana”.Il letto in collegamento: Dopo divani di varie fogge e librerie varie sullo sfondo dei collegamenti casalinghi, nella tv del coronavirus si affaccia una stanza da letto. Quella con copriletto a righe rosso, libri sul comodino e porta abiti in bella mostra da cui si collega con Mezz'ora in più (Raitre) Fabrizio Nicastro dell'Istituto nazionale di astrofisica. Scenografia e look a parte (giacca della tuta e t-shirt grigia) Nicastro offre un'interessante (e incoraggiante) lettura della curva dei contagi.Notizie da incubo: Andrea Crisanti professore di microbiologia e virologia all'università di Padova a Mezz'ora in più si dice convinto che il contagio ora sia alimentato soprattutto dalla trasmissione interfamiliare: “Dalle nostre stime abbiamo dai 400 mila ai 600 mila infettati (quelli non censiti ufficialmente ndr) la maggior parte dei quali sta a casa con i familiari. I nostri dati ci dicono che un familiare ha una probabilità di infettarsi 280 volte superiore di chi vive in una casa senza persone infette”. La conduttrice Lucia Annunziata prova a tradurre: “Ci sta dando una notizia da incubo: dobbiamo stare tutti a casa con le nostre famiglie, ma il posto dove ci crediamo più protetti può diventare il nostro inferno, è questo che ci state dicendo?” “Non ci ricordiamo cosa è successo con la nave Diamond Princess?” “Allora forse non basta dire state a casa” chiosa Annunziata.La birretta della Venier: Giacca bianca, camicia azzurra, Mara venire dà il via austeramente alla sua Domenica in, inquadrata come un mezzobusto del tg: “Sarà una Domenica in che abbiamo adattato alle esigenze del momento, senza ospiti, con molti collegamenti” premette, rivolgendo i suoi saluti e i suoi pensieri a malati e medici in prima linea. Poi però , quando si affaccia in collegamento Luca Argentero per celebrare il successo della sua fiction “Doc nelle tue mani”, zia Mara si lascia andare: “Ho sentito che hai promesso una birretta ai tuoi ospiti quando tutto sarà finito, mi candido anche io”, gli fa lui. E lei: “Sai che ti dico Luca? Io me ‘mbriacherò, una birretta non mi basta, da buona veneta. Vedrete cosa farà la zia”.Bollettino: Ormai telefonate e videochiamate si fissano prima o dopo il rito quotidiano delle 18. Oggi il capo della protezione civile Borrelli si è presentato con Luca Richeldi, pneumologo del comitato tecnico-scientifico e con l'interprete Lis, che ieri si era eclissata, ringraziando “il popolo albanese e il presidente Edi Rama per le parole con cui ha commentato la partenza di 30 tra medici e infermieri: ha dimostrato una vicinanza non solo geografica al nostro Paese rinnovando un rapporto reciproco” . (il commovente video del presidente albanese con il presidente che parla ai sanitari albanesi in partenza oggi è diventato virale. Dice: “ L'Italia è casa nostra da quando i nostri fratelli e sorelle ci hanno salvato nel passato, ospitandoci e adottandoci mentre qui si soffriva. Noi non siamo ricchi e neanche privi di memoria, non possiamo permetterci di non dimostrare all'Italia che l'Albania e gli albanesi non l'abbandonano”. Chapeau).Chi fa e chi parla: “Dove sono le Ong, cosa fa Emergency?”. Fabio Fazio è onorato di poter intervistare Gino Strada di Emergency dopo la domanda tormentone che, accusando a torto la sua associazione (che è impegnata nell'allestimento del nuovo ospedale Covid a Bergamo), ha fatto il giro del web. Gliela ripropone anche lui, sdegnato per la fake news: “In questo momento c'è chi fa e c'è chi parla, chi fa cerca di aiutare chi parla lo fa spesso a sproposito soprattutto se è un giornalista, basta telefonare e chiedere. E' una polemica e una campagna di odio fuori luogo”, risponde Strada.Chi può metta, chi non può prenda: È la frase che campeggia su un cartello di Napoli citato dalla ministra delle Politiche agricole Teresa Bellanova collegata con Barbara D'Urso a Non è la D'Urso live: parlando del dramma degli italiani rimasti senza soldi per la spesa la ministra chiarisce che lo Stato deve prendersi cura di loro. E poi rivolgendosi a chi fa abitualmente volontariato, invita a seguire il messaggio napoletano. D'Urso, in miniabito di strass blu, approva.Le accuse di Briatore: “So che tu sei molto critico, cosa non ha funzionato?” chiede Giletti a Flavio Briatore, in collegamento con Non è l'Arena: “Non c'è stata sfortuna, il premier e il ministro della Salute hanno commesso tre reati: prima hanno taciuto, poi hanno diffuso e adesso non mettono a disposizione i mezzi per combattere” chiarisce lui. Giletti lo frena: “Le parole pesano come mattoni, che qualcosa non abbia funzionato l'ho detto anche io, ma reati mi sembra troppo”.

  • Anziana chiama 112: "Ho solo latte e biscotti".  Carabinieri le portano pasti caldi
    Notizie
    Adnkronos

    Anziana chiama 112: "Ho solo latte e biscotti". Carabinieri le portano pasti caldi

    Erano le 19.48 di ieri sera quando al 112 dei carabinieri di Reggio Emilia è giunta la telefonata di una 74enne invalida civile di Reggio Emilia che segnalava ai militari di non aver potuto ritirare la pensione e per questo impossibilitata a fare la spesa. In sua disponibilità solo latte e biscotti. Gli operatori in servizio alla centrale operativa del comando Provinciale carabinieri di Reggio Emilia nella mattinata di oggi hanno fatto pervenire all’anziana i pasti caldi. Primi, secondo, contorni e frutta approntati dalla mensa dei carabinieri. Da domani potrà disporre del servizio di spesa a domicilio assicurato, grazie ai volontari, dal comune di Reggio Emilia. A recapitare i pasti all’anziana, per conto degli operatori del 112, una pattuglia della stazione dei carabinieri di Corso Cairoli che questa mattina ha consegnato gli alimenti all’anziana invalida. La risposta della diretta interessata non si è fatta attendere: nella tarda mattinata odierna la 74enne ha chiamato al 112 ringraziando in lacrime.

  • Meteo, settimana subito più fredda: ma tornerà un maxi anticiclone
    Notizie
    Adnkronos

    Meteo, settimana subito più fredda: ma tornerà un maxi anticiclone

    In queste ore aria fredda direttamente dal Circolo Polare Artico si sta riversando sul Mediterraneo entrando in Italia sotto forma di venti di Bora e Grecale che soffieranno moderati/forti e accompagneranno una perturbazione dai connotati invernali. Il team del sito www.iLMeteo.it avvisa che oggi, lunedì, si verificheranno copiose nevicate sulle Alpi a quote via via più basse mentre la pioggia bagnerà gran parte del Piemonte e della Lombardia occidentale pianeggianti. Il tempo andrà peggiorando anche al Centro con rovesci e temporali su Toscana, Lazio, Umbria, Appennini in genere. Altre piogge infine interesseranno la Sardegna orientale, la Sicilia e la Calabria tirrenica. I venti soffieranno di Bora e Grecale al Nord con raffiche fino a 50 km/h a Trieste.  Da martedì comincerà ad avanzare l’alta pressione; il tempo andrà migliorando progressivamente al Nord, mentre la perturbazione sospinta da freddi venti settentrionali si sposterà velocemente verso il Centro e poi al Sud con rovesci e temporali. Clima freddo. Da mercoledì avanzerà un vasto campo di alta pressione che gradualmente conquisterà tutta l’Italia, soltanto le Isole maggiori e poi la Calabria rimarranno scoperte da questo scudo stabile e infatti qualche precipitazione interesserà queste regioni tra Giovedì e Venerdì. Il team del sito www.iLMeteo.it comunica che con l’avanzare dell’alta pressione le temperature cominceranno ad aumentare gradualmente. Da giovedì e poi fino al weekend e anche oltre i valori massimi torneranno a misurare cifre via via più vicine ai 20-22°C su gran parte d’Italia, ma specialmente al Centro-Nord.

  • Notizie
    AGI

    Speranze da un vecchio farmaco antimalarico: "In laboratorio funziona contro il virus"

    Nuove speranze contro il coronavirus potrebbero venire da un vecchio farmaco. Al laboratorio di virologia del San Raffaele di Milano sono stati condotti test in laboratorio su Plaquenil, farmaco in uso da quasi 70 anni contro la malaria. E i test hanno dato risultati oggettivamente incoraggianti. Lo ha annunciato sul suo sito Medical Facts il virologo Roberto Burioni.Nel 2005, ricorda Burioni, "alcuni ricercatori statunitensi si sono accorti" che l'antimalarico "aveva in laboratorio una forte attività antivirale contro il coronavirus responsabile della SARS, sparito nel 2004. Siccome l'attività antivirale era diretta contro un virus non più esistente la notizia era passata inosservata. Naturalmente quando è saltato fuori questo nuovo virus, cugino di quello della SARS, molti hanno pensato di utilizzare il Plaquenil per curare questa infezione".L'efficacia di questa terapia non è ancora chiara e non sono neanche chiari i meccanismi attraverso i quali il Plaquenil infastidisce la replicazione virale. E siccome fare gli esperimenti sulle persone è sicuramente più complicato, spiega il virologo, "molti ricercatori hanno pensato di studiare l'effetto del Plaquenil sul nuovo coronavirus in laboratorio, tra questi noi. Per studiare un virus in laboratorio bisogna prenderlo e metterlo a contatto con cellule nelle quali si possa replicare: in generale l'effetto è la loro completa distruzione. Dunque: abbiamo preso il coronavirus e l'abbiamo messo a replicare, aggiungendo una quantità di Plaquenil abbondantemente raggiungibile nel polmone dopo la somministrazione del farmaco". ​"Però - aggiunge Burioni - abbiamo esplorato non una, ma tre possibilità. Nella prima abbiamo aggiunto il Plaquenil DOPO l'infezione delle cellule con il virus, simulando la situazione in cui si troverebbe un paziente se il farmaco gli venisse somministrato al momento della diagnosi, quando è già infettato. Poi abbiamo provato ad aggiungerlo solo PRIMA dell'infezione delle cellule, simulando l'uso del Plaquenil in profilassi. E poi abbiamo fatto anche un terzo tentativo: l'abbiamo aggiunto sia PRIMA che DOPO l'infezione delle cellule, simulando una somministrazione continuativa del farmaco". I risultati sono stati che l'esito nettamente migliore per le cellule infettate si è avuto con il farmaco somministrato prima e dopo l'infezione."Chiaramente questo non è un punto di arrivo, ma un punto di partenza - aggiunge il virologo - i dati che abbiamo ottenuto suggeriscono che una sperimentazione clinica di questo farmaco dovrebbe essere svolta somministrando il farmaco non solo quando il paziente sta già male, ma già prima dell'infezione agli individui che sono a maggior rischio. Non correte a comprare il Plaquenil e non assumetelo di testa vostra - raccomanda - mentre l'efficacia non è ancora certa, gli effetti collaterali del farmaco sono comunque possibili. In ogni caso, però, se uno studio clinico riuscisse a confermare che il Plaquenil è utile nel modo in cui questo studio suggerisce, ovvero associando profilassi e terapia, avremmo fatto un passo verso il ridimensionamento di questo virus. Un passo che, per esempio, potrebbe rappresentare una protezione in più per tutti i colleghi in primissima linea nella gestione clinica de pazienti infetti. Quanto grande sarà questo passo non possiamo saperlo, ma è di questi passi che è fatto il ritorno alla vita normale. Vorrei qui ringraziare – oltre a Massimo Clementi che coordina tutto il laboratorio – anche Nicasio Mancini e Nicola Clementi che hanno diretto il gruppo di giovanissimi ricercatori che ha svolto questo lavoro: Elena Criscuolo, Roberta Antonia Diotti, Roberto Ferrarese e Matteo Castelli. Perché fare gli esperimenti con questo virus non è una cosa da poco: bisogna maneggiarlo, e maneggiare un virus potenzialmente letale è cosa che significa letteralmente rischiare la vita mentre si fanno gli esperimenti".

  • Coronavirus, 'a Wuhan molti più morti': i dubbi dei media
    Notizie
    Adnkronos

    Coronavirus, 'a Wuhan molti più morti': i dubbi dei media

    Il numero dei decessi resi noti a Wuhan non convince Radio Free Asia. L'emittente, in un lungo articolo pubblicato sul proprio sito, solleva dubbi sulla veridicità delle vittime, "circa 2500'', registrate in città. "Dall'inizio della settimana, 7 grandi società di pompe funebri hanno consegnato ogni giorno le ceneri di circa 500 defunti alle rispettive famiglie. Questo fa pensare che siano morte più persone rispetto a quanto indicato dalle cifre ufficiali", si legge nell'articolo, che si basa anche su dichiarazioni rese da cittadini in forma anonima. Per delineare il quadro, Radio Free Asia fa riferimento anche alle informazioni diffuse dal sito Caixin.com, secondo cui 5000 urne sarebbero state consegnate ad un'azienda di pompe funebri nell'arco di una sola giornata. I numeri sono al centro di discussioni sui social e nell'articolo di RFA si arriva ad ipotizzare il totale di 42.000 decessi sulla base di ragionamenti ad oggi privi di evidenze concrete. Si ipotizza che nel complesso verranno consegnate ogni giorno circa 3500 urne tra il 23 marzo, data di inizio del processo, e la festa del QingMing che cade il 5 aprile.

  • La Madonna “appare” in piazza San Pietro durante benedizione del Papa
    Notizie
    notizie.it

    La Madonna “appare” in piazza San Pietro durante benedizione del Papa

    Un nuvola avrebbe preso la forma della Madonna in piazza San Pietro durante la benedizione Urbi et Orbi.

  • Renzi: "Riaprire aziende a aprile, non ampliare reddito di cittadinanza"
    Notizie
    Adnkronos

    Renzi: "Riaprire aziende a aprile, non ampliare reddito di cittadinanza"

    Sulla proposta di riaprire le aziende "ho visto tanta ipocrisia. Io non ho chiesto di riaprire oggi, ma ad aprile. Ho chiesto però di pensare adesso a come riaprire. Perché se non ci pensiamo oggi arriviamo in ritardo all'appuntamento con l'emergenza economica almeno come siamo arrivati in ritardo sull'emergenza sanitaria". Sono le parole di Matteo Renzi, senatore e leader di Italia Viva, intervistato dal 'Corriere della Sera'. A chi gli chiede se Governo e Protezione civile abbiano commesso errori, l'ex premier risponde: "Non tocca a me dire chi ha sbagliato. Certo: l'Italia è il Paese con più morti al mondo, qualcosa non ha funzionato. Ho proposto di fare, quando tutto sarà finito, una commissione di inchiesta per verificare le responsabilità. Perché su mascherine, respiratori, protocolli ci siamo mossi troppo tardi, è un dato di fatto". "Benissimo la battaglia sugli eurobond, ma non basta. L'Europa ha già fatto i primi passi, sospendendo il patto di Stabilità e modificando la normativa sugli aiuti di Stato. E dobbiamo sapere che comunque pagheremo noi, aumentando il debito. O meglio: pagheranno i nostri figli. Quindi spendiamoli bene", aggiunge. "C'è una cultura politica - anche nella maggioranza di governo - che immagina si possa affrontare questa emergenza estendendo il reddito di cittadinanza. È una visione assistenzialista miope. Dobbiamo dare una mano a chi non ce la fa, ma la misura sociale più giusta e più urgente è quella di riaprire le aziende per non licenziare i lavoratori", sottolinea l'ex premier, che aggiunge: "Abbiamo chiuso 60 milioni di italiani in casa da 3 settimane: possiamo chiudere la burocrazia nel ripostiglio per qualche mese?".

  • Fedez, Codacons pretende le scuse: “Potete andare a fare in c**o”
    Notizie
    DonneMagazine

    Fedez, Codacons pretende le scuse: “Potete andare a fare in c**o”

    Il Codacons pretende le scuse di Fedez entro 48 ore. La replica del marito di Chiara Ferragni è al vetriolo.

  • Buoni spesa: ecco come funzionano
    Notizie
    Yahoo Notizie

    Buoni spesa: ecco come funzionano

    Come funzionano i buoni spesa che saranno distribuiti ai Comuni.

  • Ospedale Fiera a Milano, Fontana: “Qualcosa di davvero grande”
    Notizie
    notizie.it

    Ospedale Fiera a Milano, Fontana: “Qualcosa di davvero grande”

    Il governatore lombardo, Attilio Fontana, ha effettuato un sopralluogo presso il nuovo ospedale in fase di allestimento presso la Fiera di Milano

  • Meteo, in tutta Italia ritorna l’inverno: brusco calo delle temperature
    Notizie
    notizie.it

    Meteo, in tutta Italia ritorna l’inverno: brusco calo delle temperature

    Le correnti artiche si abbattono sull'Italia: torna l'inverno. Temperature in netta discesa al Nord.

  • Notizie
    AGI

    ”Raccontare la Cultura in Tv può far risorgere l'Italia” , dice Foa

    “Mi associo, senza indugio” alla richiesta di “sconvolgere i palinsesti offrendo agli italiani l'opportunità di crescere culturalmente con la programmazione di grandi film e concerti di musica classica, jazz, pop, documentari, danza, prosa, poesia…”. In una lettera aperta al quotidiano La Stampa il presidente della Rai Marcello Foa si dice pronto ad accogliere la richiesta avanzata da Renzo Arbore circa la vocazione “artistica» della Tv, col pensiero rivolto a generazioni di ventenni che non conoscono il nostro patrimonio cinematografico, teatrale e musicale” e dal regista Pupi Avati, che ha confessato “di vivere questo tempo sospeso ‘con gli occhi chiusi, in attesa di poterli riaprire'” in questa fase di emergenza da Covide-19. E ad Arbore, che esorta a “inventare una tv made in Italy, non copiata da quelle straniere” il presidente di viale Mazzini risponde: “Ci sto, accolgo questi appelli”.Ma Foa precisa anche, senza nulla togliere alle “iniziative messe in campo dalle reti e in particolare dal direttore di Rai Cultura, Silvia Calandrelli”, che “la Rai fa già tanta cultura alla radio e in televisione” e “sono convinto che si possa e si debba fare di più. Ma nei modi e nei tempi appropriati”. Secondo Foa, infatti, “bisogna strutturare un percorso, trovare un equilibrio tra le diverse sensibilità culturali. Se si cedesse all'improvvisazione, il risultato non sarebbe quello atteso, forse risulterebbe addirittura antitetico rispetto a una pur lodevole intenzione”. Poi il presidente della Rai passa in rassegna ciò che già la Rai fa rete per rete e si dice convinto che la cultura non può essere “circoscritta a reti dedicate”, ma deve attraversare “tutta la produzione Rai attraverso una sensibilità diffusa e la consapevolezza di fare ‘servizio pubblico' avendo cura di ogni fascia di età e ceto sociale, di ogni orientamento culturale, di tutte le categorie del lavoro e dell'economia, con un'attenzione speciale verso la popolazione più fragile e più debole”. Cioè “la più fragile e più debole. La cultura non può chiudersi in torri d'avorio” e così maestri del cinema italiano “come Pupi Avati, i cultori della canzone italiana come Arbore e, aggiungerei, i giornalisti che hanno saputo divulgare la storia italiana come Montanelli, Cervi e Gervaso, ci hanno insegnato a servire il Paese usando un linguaggio semplice in grado di elevare la conoscenza e le coscienze”.Quindi Cultura “è anche raccontare il lavoro di scienziati, medici e ricercatori, così come rilanciare l'aspirazione a una maggiore spiritualità attraverso le immagini di impatto storico del Pontefice che impartisce l'indulgenza plenaria in una Piazza San Pietro deserta e l'ascolto della Messa del Santo Padre da Santa Marta su Rai1 ogni mattina alle 7” scrive Foa, perché quel che sta emergendo in questi giorni di clausura forzata “è un bisogno di autenticità e di riscoperta delle nostre radici, dei nostri valori più profondi, di quella straordinaria eccezione nella storia dell'umanità chiamata Italia, e di cui la Rai dovrà essere interprete, specchio e al contempo vettore verso un futuro, davvero e finalmente, di felicità” conclude il presidente Rai.

  • Padre muore in casa, la figlia: “Non gli hanno fatto il tampone”
    Notizie
    notizie.it

    Padre muore in casa, la figlia: “Non gli hanno fatto il tampone”

    A Piazza Pulita su La 7 Asia Marchesi ha raccontato del calvario vissuto dal padre Sirio morto in casa con sintomi analoghi al Covid-19.

  • Emergenza coronavirus, arrivano i primi provvedimenti di WhatsApp
    Notizie
    notizie.it

    Emergenza coronavirus, arrivano i primi provvedimenti di WhatsApp

    Whatsapp ha deciso di limitare, al momento solo in India, la durata dei video condivisi tramite lo stato

  • Brusaferro: solo dopo Pasqua si potranno rivedere i divieti
    Notizie
    Askanews

    Brusaferro: solo dopo Pasqua si potranno rivedere i divieti

    Il presidente dell'Iss: il virus rallenta

  • Di Matteo: la mafia punta a prendersi le aziende in crisi
    Notizie
    Askanews

    Di Matteo: la mafia punta a prendersi le aziende in crisi

    "C'è un altro contagio da evitare"

  • Giorgia Palmas e Filippo Magnini, matrimonio saltato: lo sfogo
    Notizie
    DonneMagazine

    Giorgia Palmas e Filippo Magnini, matrimonio saltato: lo sfogo

    Giorgia Palmas e Filippo Magnini si sono visti costretti a rimandare il matrimonio. L'ex velina ha pubblicato uno sfogo social.

  • Notizie
    AGI

    "L'Italia sia attenta a bugie e ambizioni della Cina", avverte Joshua Wong

    Joshua Wong, leader del partito Demosisto e degli studenti di Hong Kong, ammonisce l'Italia affinché non diventi "una provincia in più della Repubblica Popolare Cinese". Secondo Wong, "al di là di ogni dubbio, la Cina sta sfruttando l'invio delle sue mascherine sanitarie allo scopo di ottenere una futura influenza politica. La generosità insincera ha un prezzo". Wong, che ha capeggiato le durissime proteste per la democrazia nel corso del 2019 a Hong Kong, in un'intervista all'AGI mette anche in guardia dalla conclamata fine dei contagi di coronavirus in Cina, accusando il governo di Pechino perché continuerebbe a nascondere la verità sui dati sanitari."Nel novembre dello scorso anno - prosegue Joshua Wong - l'ambasciata cinese a Roma ha apertamente criticato alcuni parlamentari italiani per avere promosso una videoconferenza con il movimento democratico di Hong Kong, trattando l'Italia alla stregua di una provincia aggiunta della Cina". Wong è preoccupato che Pechino "si stia comprando l'Italia". "Se il governo italiano mancherà di proteggere la nazione contro le ambizioni autocratiche della Cina, le conseguenze di una perdita di sovranità e di autonomia saranno ancora più disastrose".​Joshua Wong torna a sottolineare la sua posizione sulla pandemia di coronavirus: "E' ben più di una semplice malattia: si tratta di una sequela di errori prettamente umani. Poteva essere contenuta se i medici che la denunciarono non fossero stati incarcerati. E anche adesso le autorità di Pechino stanno continuando a mettere il bavaglio alle critiche che circolano sul web nei confronti della cattiva gestione dell'epidemia da parte del governo".Wong non usa mezze misure rispetto al "modello cinese" che pure ha costituito, e sta costituendo, l'esempio seguito in Occidente per fronteggiare la diffusione del virus: "Per mantenere bassi i numeri delle statistiche ufficiali sui casi accertati, gli ospedali cinesi adesso rifiutano l'accettazione di nuovi pazienti, mentre quelli ancora in via di guarigione sono costretti a terminare il trattamento e i pazienti asintomatici non sono conteggiati nella casistica totale, secondo quanto riferiscono numerosi organi di informazione"."Ciò senza voler menzionare - aggiunge l'attivista - che l'ottanta per cento dei test per il Covid-19 che la Repubblica Ceca ha ricevuto dalla Cina dà risultati falsi. Ecco, tutte queste informazioni censurate dalla Cina potrebbero portare a un'altra ondata di contagi e potrebbero determinare la vita e la morte negli altri Paesi". "Intanto, la Repubblica Popolare Cinese è tutta impegnata a riscrivere la narrazione di questa vicenda rimproverando gli altri. La settimana scorsa i media di Stato cinesi, Global Times, Cctv e Xinhua, hanno mentito al pubblico sostenendo che il virus era già diffuso in Italia anche prima dell'epidemia di Wuhan", rimarca Joshua Wong."Il governo cinese - aggiunge Wong - ha anche strombazzato che la Cina avrebbe dato le mascherine all'Italia in cambio di niente. Attraverso questa disinformazione e queste fake news, la Cina calpesta la dignità delle altre nazioni, minaccia la loro sicurezza con omissioni e bugie, mettendo anche in dubbio il disinteresse degli aiuti disposti dal proprio governo"."In questa triste situazione - conclude - la popolazione dell'Italia e quella di Hong Kong stanno entrambe combattendo una guerra contro un virus mortale. Noi hongkonghesi siamo tutti quanti al fianco di ciascun italiano. E sono sicuro che potremo superare questi difficili momenti in poco tempo".

  • Navi da crociera, l’ambiente ideale per le relazioni tra i dipendenti
    Notizie
    notizie.it

    Navi da crociera, l’ambiente ideale per le relazioni tra i dipendenti

    Secondo i lavoratori delle navi da crociera le relazioni sentimentali tra dipendenti sarebbero estremamente numerose a causa degli spazi condivisi.

  • Il sondaggio: fiducia in Ue crolla anche fra europeisti
    Notizie
    Adnkronos

    Il sondaggio: fiducia in Ue crolla anche fra europeisti

    "L’Europa alla quale il Presidente della Repubblica Mattarella si è appellato è fortemente criticata dalla maggioranza degli italiani. Il 72% dice che al momento non ha contribuito in alcun modo a fronteggiare l’emergenza sanitaria in corso nel nostro Paese. Il dato più allarmante è che per il 77% nei prossimi mesi non cambierà nulla, cioè il rapporto con la Ue rimarrà conflittuale ma non porterà benefici all’Italia". E' quanto scrive sulla Nazione-Resto del Carlino-Giorno Antonio Noto, direttore 'Noto Sondaggi', che spiega come "questo sentimento prevalente" verso l’Europa riguardi anche gli europeisti più ferventi. La loro fiducia verso l’Ue, infatti, scrive Noto, "è crollata al 25%, basti pensare che nel periodo pre-epidemia questo indice era comunque al 34%, ed il 64% dei cittadini si professava "europeista convinto" contro il 49% di questi giorni, quindi con una perdita in poche settimane del 15% del consenso". Per il sondaggista, "ciò che colpisce in questi numeri non è la flessione in sé dei giudizi positivi verso l’Europa, questo era da attendere, bensì l’entità di tale diminuzione". Il "braccio di ferro tra il nostro governo e l’Ue per avere finanziamenti garantiti dagli altri Paesi è stata la ciliegina sulla torta, caduta nel momento in cui i cittadini già non riconoscevano nell’Europa un alleato fedele nella gestione dell’epidemia in Italia". Subito dopo, Noto spiega come non si possa escludere che "questa sensazione di essere lasciati da soli influisca concretamente sulle aspettative del futuro e anche in questo caso i numeri non sono incoraggianti". Infatti, "ben 1/3 dei lavoratori teme che nei prossimi mesi possa essere licenziato o che il proprio lavoro possa diminuire. In entrambi i casi si prevedono forti disagi economici che variano da reddito zero o parzialmente ridotto". Preoccupazione che viene registrata non tra i dipendenti pubblici, ma fra quelli del settore privato, imprenditori, commercianti e partite Iva. "Se per alcune di queste categorie è prevista la cassa integrazione – scrive Noto -, anche se al momento è programmata solo per 90 giorni, per altre invece il rischio è la mancanza di liquidità: il 22% degli italiani afferma che già all’inizio del prossimo mese potrebbe avere difficoltà ad effettuare la spesa". Infine, scrive Noto, "anche rispetto alle restrizioni in atto iniziano a prevalere opinioni critiche. Sebbene rimanga ancora molto alta la percentuale di persone che giudicano questi provvedimenti necessari (77%), dall’altra emerge che il 26% sta diventando dubbioso che queste misure realmente stanno avendo risultati".