Coronavirus Bergamo, Elsa chiama numeri casuali: “Vuole parlare con me?”

Coronavirus Bergamo Elsa

Per sconfiggere la solitudine dettata dal divieto di uscire a causa del coronavirus, la signora Elsa di Bergamo ha iniziato a prendere numeri casuali dall’elenco telefonico per chiamarli e avere qualcuno con cui parlare. Dopo qualche telefonata andata a vuoto, ha trovato qualcuno pronto ad ascoltarla.

Coronavirus a Bergamo: Elsa sconfigge la solitudine

La donna vive in casa da sola e purtroppo ha perso anche le due amiche con cui era solita passare qualche ora del suo tempo. Le uniche persone con cui viene a contatto sono gli addetti che le consegnano la spesa a domicilio che però, per evitare contatti, si limitano a lasciare le borse davanti alla porta senza intrattenersi.

Così, per sentirsi meno sola, ha preso il suo telefono e ha digitato i primi numeri che le comparivano sull’elenco. “Pronto? Chi parla? Mi scusi, lei non mi conosce e il suo numero l’ho fatto a caso“. Così esordisce quando qualcuno dall’altra parte della cornetta risponde. Dopo qualche persona che l’ha respinta “ma in modo gentile“, ha trovato Franco, un uomo che si è rivelato disponibile ad ascoltarla e a rimanere in contatto con lei.

A quest’ultimo Elsa ha raccontato come sta vivendo la quarantena. Chiusa in casa da ventisette giorni, ha spiegato di non avere nessuno e di aver perso le sue amiche che, nella prima settimana di isolamento, sentiva al cellulare. Ora, avendo bisogno di ascoltare qualcuno, ha trovato questo espediente e ha così chiesto al suo interlocutore: “Mi può dire gentilmente con chi sto parlando e chi è che mi sta ascoltando? Mi dica anche solo un buon buongiorno“.

Dall’altra parte anche l’uomo le ha spiegato come sta vivendo questo periodo, affermando di essere chiuso in casa da qualche settimana insieme alla moglie, alla figlia e al loro cane. Per mezz’ora i due si sono intrattenuti parlando del più e del meno e la conversazione si è così conclusa: “Quando vuole Elsa, chiami pure, di qui non usciamo!“.