Coronavirus Bergamo, Gori: "Fermiamo tutto"

webinfo@adnkronos.com

"Dobbiamo fermarci, cambiare il calendario e considerare i prossimi 15 giorni come le settimane centrali di agosto. Fermare le imprese, i negozi, tutto tranne i servizi essenziali, mandare la gente in ferie. Recupereremo dopo, quando potremo ripartire". Lo scrive Giorgio Gori, il sindaco di Bergamo, su Twitter in merito all'emergenza coronavirus. 

Intanto, sono dimezzati, da ieri, i voli in partenza dall'aeroporto Orio al Serio di Bergamo. Ieri, domenica 8 marzo, ci sono state, si apprende, 92 partenze dallo scalo bergamasco, in calo del 50% rispetto ai voli stagionali programmati. Oggi sono previsti 107 voli in partenza (-45%). Come per tutti gli altri aeroporti nazionali, sono stati cancellati i voli da e per Giordania, Israele, Georgia, Montenegro, Repubblica Ceca e Romania. Sono regolari, invece, i voli cargo.