Coronavirus, bimbo chiama 112: "Portate il mio striscione ai nonni?"

webinfo@adnkronos.com

"Pronto carabinieri, per favore potete portare questo striscione ai nonni?" Un bambino che vive a Vaiano (Prato) ha chiamato il 112 e ha chiesto ai militari dell'Arma se potevano esaudire un suo desiderio in questi giorni di emergenza coronavirus che rallenta gli spostamenti e che costringe a stare a casa perché le scuole sono chiuse. "Ho disegnato un grande arcobaleno e lo volevo regalare ai vecchietti della casa di riposo di Vaiano. Io non posso uscire di casa, voi mi potete aiutare?"si è sentito dire il carabiniere in servizio al centralino che ha ricevuto la telefonata del bambino. 

Con i pennarelli, il piccolo su un grande lenzuolo bianco ha disegnato un arcobaleno, un cuore tricolore e le scritta "Andrà tutto bene" e "Uniti ce la faremo". Così una pattuglia dei carabinieri del comando provinciale di Prato, nel corso dei controlli del territorio, si è recata a casa del bimbo per ritirare lo striscione ed esaudire il desiderio. Lo striscione è stato donato alla casa di riposo e appeso a un balcone.