Coronavirus, bloccato sbarco nave Costa: 64 italiani a bordo

webinfo@adnkronos.com

Le autorità thailandesi hanno vietato di sbarcare agli oltre 2mila tra passeggeri e membri dell'equipaggio della nave da crociera Costa Fortuna arrivata a Patong Bay questa mattina. Il divieto è scattato dopo la conferma che a bordo della nave si erano imbarcati 282 nostri connazionali, 64 dei quali avevano lasciato l'Italia nel corso degli ultimi 14 giorni. Ieri le autorità thailandesi avevano istituito l'obbligo di rispettare una quarantena di 14 giorni per tutte le persone provenienti da Cina, Corea del Sud, Hong Kong, Macao, Iran e Italia. Al momento la nave sta facendo rotta verso la Malesia. 

A bordo della nave che ha raggiunto ci sono 1.631 passeggeri e 984 membri dell'equipaggio, provenienti da Cina, Singapore, Francia, Germania, Italia, ha reso noto il capo dell'immigrazione di Phuket Narong Chanaphaikul parlando con il The Phuket News. "Non ci sono casi di Covid19 sulla nave, ma tutti sono considerati a rischio e pertanto devono restare in quarantena per 14 giorni", ha aggiunto."Devono restare sulla nave e la nave a due miglia nautiche dalla costa". 

''Non c'è alcun caso sospetto di coronavirus a bordo della Costa Fortuna, né tra gli italiani né tra passeggeri di altre nazionalità'' dice all'Adnkronos la compagnia Costa Crociere. La nave doveva fare scalo a Phuket ma la Thailandia, precisano dalla compagnia, nelle ultime ore ha imposto alcune restrizioni, con il divieto di ingresso agli italiani che siano stati nel nostro paese negli ultimi 14 giorni. 

''Costa Crociere comunica che a seguito di restrizioni imposte dal Governo della Thailandia nelle ultime ore sullo sbarco di ospiti di nazionalità italiana che abbiano transitato in Italia negli ultimi 14 giorni, la nave Costa Fortuna non ha potuto effettuare la sosta pianificata come da itinerario nel porto di Pukhet'' scrive in seguito in una nota Costa Crociere. ''Costa Crociere precisa che la situazione sanitaria bordo è chiara e che non vi è alcun caso sospetto a bordo della nave fra gli ospiti italiani o di altre nazionalità. Costa Crociere informa inoltre che, a causa di restrizioni imposte dalle autorità del Madagascar, la nave Costa Mediterranea non ha potuto effettuare lo scalo previsto a Nosy Be ed è in navigazione verso le isole Seychelles. Anche in questo caso non sono presenti casi sospetti a bordo''. ''Costa Crociere è rammaricata dell'improvviso cambiamento di itinerario e conferma, in una situazione in continua evoluzione, che la salute e la sicurezza dei propri ospiti e membri dell'equipaggio è una assoluta priorità''.