Coronavirus, Bolsonaro sulle morti in Italia: “Paese pieno di anziani”

coronavirus-bolsonaro

Rispondendo alle domande dei giornalisti durante una conferenza stampa, il presidente del Brasile Jair Bolsonaro ha fornito una sua personale spiegazione all’elevato numero di decessi in Italia causato dalla pandemia di coronavirus. Secondo Bolsonaro il motivo risiede nell’elevata età media della popolazione italiana, da lui tradotto semplicisticamente affermando esplicitamente come il nostro sia un Paese di vecchietti. Attualmente in Brasile sono stati confermati 350 casi di Covid-19, mentre una sola persona risulta deceduta.

Coronavirus, le parole di Bolsonaro sull’Italia

Durante un incontro con i giornalisti tenutosi nella capitale Brasilia per parlare dei provvedimenti atti a contrastare la pandemia, Bolsonaro ha dichiarato: “L’Italia è un Paese pieno di vecchietti, in ogni palazzo ce ne sono almeno una coppia, come a Copacabana, per questo sono molto fragili e muore tanta gente. Hanno altre malattie, ma dicono che muoiano per coronavirus.

Il presidente brasiliano asserisce dunque che il dato dei decessi in Italia sia gonfiato o comunque sovrastimato, in quanto a morire sarebbero principalmente persone dal quadro clinico già compromesso: “Non li uccide il coronavirus che arriva alla fine, quelle persone sono già debilitate”.

La replica di Andrea Romano del Pd

Non si è fatta attendere la risposta dei politici italiani alle parole del presidente Jair Bolsonaro, come quella del parlamentare del Pd Andrea Romano che nella serata del 18 marzo ha dichiarato: “Auguriamo agli amici brasiliani, anche a quelli di una certa età, di non passare mai quello che sta passando l’Italia. Ma pretendiamo che la presidenza brasiliana rispetti l’Italia e la sua sofferenza, astenendosi da affermazioni deliranti e offensive come quelle di Bolsonaro”.