Coronavirus, Bonafede: al lavoro per ritorno a ordinaria attivit -2-

Cro-Mpd

Roma, 13 giu. (askanews) - ACCESSO DEGLI UTENTI. Rimangono attive misure logistico-organizzative gi realizzate dagli uffici, tra cui: la regolamentazione dell'accesso ai servizi, previa prenotazione, anche tramite mezzi di comunicazione telefonica o telematica; l'istituzione di percorsi dedicati all'utenza; la gestione di una banca delle aule migliori al fine di assicurare al meglio il distanziamento sociale.

RIEQUILIBRIO LAVORO IN PRESENZA-SMART WORKING. Durante la prima fase dell'emergenza COVID-19 il lavoro agile ha costituito la modalit ordinaria di svolgimento della prestazione lavorativa del personale amministrativo. E gli uffici giudiziari hanno risposto ottimamente, con il 77% del personale posto in progetti di lavoro agile, contro il 73,8% della media nel pubblico impiego. La maggiore ripresa delle attivit giurisdizionali e amministrative degli uffici potr essere gestita non solo con una diversa modulazione tra attivit in presenza e attivit in smart working dal dipendente, con accrescimento dell'attivit in presenza rispetto a quella in smart working, ma anche coniugando una maggiore flessibilit dell'orario di lavoro.

ORARIO FLESSIBILE E APERTURA POMERIDIANA. Il Ministero ha sin da subito tuttavia richiamato gli uffici a un maggiore uso, accanto allo smart working, di un ventaglio di strumenti come l'orario flessibile, le turnazioni, l'orario pomeridiano, la rotazione dei servizi di cancelleria. Si tratta di strumenti fondamentali per il rilancio delle attivit amministrative e giudiziarie degli uffici del territorio, dal momento che garantiscono anche una possibilit di apertura dell'ufficio pi ampia anche all'utenza durante il giorno ma con meno presenza in contemporanea di personale.

(Segue)