Coronavirus, Bonafede: sospesi per 15 giorni colloqui in carcere

Bla

Roma, 9 mar. (askanews) - A causa dell'emergenza coronavirus "per un periodo limitato di 15 giorni per tutelare la salute proprio dei detenuti e di coloro che lavorano nelle carceri abbiamo sospeso i colloqui fisici con i familiari prevedendo tra l'altro la possibilità di compensare aumentando il numero e la durata dei contatti telefonici e delle conversazione a distanza". Lo ha detto il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, in un video messaggio su Facebook a proposito dei disordini e delle rivolte in moltissime carceri italiane.

"Si tratta di una limitazione importante che avviene in un momento in cui tutti gli italiani oggi sono chiamati a fare sacrifici e rinunce. Ripeto stiamo lavorando con tutti gli strumenti che riterremo idonee per garantire che l'emergenza del coronavirus abbia il minor impatto possibile all'interno di una realtà difficile come quella delle carceri. Lavoreremo mantenendo un dialogo costante con tutti gli operatori e le persone coinvolte", ha aggiunto.