Coronavirus, Borrelli: “Autocertificazione anche per uscire a fare una passeggiata”

Coronavirus uscire per fare una passeggiata

Non solo chi si sposta in macchina: ora anche chi vuole uscire per fare una passeggiata dovrà fornire, qualora venisse fermato dalle forze dell’ordine, un’autocertificazione. É quanto affermato da Angelo Borelli, capo del Dipartimento della Protezione Civile, in merito alle misure del nuovo decreto per far fronte all’emergenza coronavirus.

Coronavirus: uscire per fare una passeggiata

Il consiglio è sempre quello di rimanere a casa il più possibile e ridurre allo stretto necessario gli spostamenti, anche quelli a piedi. Ma se si vuole uscire all’aria aperta bisognerà compilare il modulo già previsto per i movimenti legati al lavoro, alla salute o ad una necessità inderogabile. Il foglio è sempre lo stesso e scaricabile sul sito del Ministero dell’Interno: bisognerà portarlo con sé dunque ogni volta che si esce dalla propria abitazione o in alternativa compilarlo sul posto in cui si viene fermati.

Anche in questi casi bisogna comunque attenersi al divieto di formare assembramenti di persone e al rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro. É consigliabile anche l’uso della mascherina che Borrelli ha richiesto di usare sul posto di lavoro.

Quando a misure più stringenti che portino l’Italia ad essere una grande zona rossa, ha spiegato che una decisione non è ancora giunta in merito. Le opposizioni, supportate da medici e amministratori, ne hanno fatto richiesta al governo centrale che per il momento si è detto contrario. Novità potrebbero però arrivare nella conferenza stampa di Conte prevista per le 21:40 di mercoledì 11 marzo 2020.