Coronavirus, Borrelli: con il dl presto mascherine per tutti

Sav

Roma, 17 mar. (askanews) - Per quanto riguarda la situazione delle mascherine in Italia, "ci sono molte aziende, ho passato molto tempo a ricevere offerte che ho girato al commissario Arcuri, disponibili a produrle. Nel decreto legge c'è una disposizione che consente la produzione di mascherine da impiegare anche per personale non sanitario: quando entrerà in vigore il decreto, presto avremo aziende in grado di produrre e commercializzare mascherine per tutta la popolazione". Lo ha reso noto il capo della Protezione civile, Angelo Borrelli, al punto stampa di oggi.

  • La petizione contro Barbara D’Urso raggiunge 40mila firme
    Notizie
    notizie.it

    La petizione contro Barbara D’Urso raggiunge 40mila firme

    Un numero sempre più considerevole di firme è stato raggiunto dalla petizione contro Barbara D'Urso.

  • Coronavirus, come funziona l'app "AllertaLOM" per mappare gli infetti
    Notizie
    Yahoo Notizie

    Coronavirus, come funziona l'app "AllertaLOM" per mappare gli infetti

    Parte in Lombardia il "tampone virtuale" per capire come si muove il contagio.

  • Ambra Angiolini: la stranezza ai denti notata dai fan
    Notizie
    notizie.it

    Ambra Angiolini: la stranezza ai denti notata dai fan

    Alcuni fan hanno notato una particolare stranezza in Ambra Angiolini: i commenti sui social rivolti all'attrice romana

  • Istat, il virus ha fatto quadruplicare i morti a Bergamo
    Notizie
    Yahoo Notizie

    Istat, il virus ha fatto quadruplicare i morti a Bergamo

    A Bergamo si è passati da una media di 91 morti nel 2015-2019 a 398 nel 2020.

  • Dopo 32 anni Claudio Brachino lascia Mediaset: i motivi
    Notizie
    notizie.it

    Dopo 32 anni Claudio Brachino lascia Mediaset: i motivi

    Claudio Brachino ha detto addio a Mediaset e, sembra, in maniera consensuale, dopo 32 anni.

  • Il coronavirus circolerà anche in estate: il parere di un esperto
    Notizie
    notizie.it

    Il coronavirus circolerà anche in estate: il parere di un esperto

    Pur con un numero di contagi assai inferiore, il coronavirus potrebbe circolare anche in estate: è quanto sostiene l'esperto Alessandro Vespignani.

  • Una pandemia ogni 7 anni: dall’influenza spagnola al coronavirus
    Notizie
    notizie.it

    Una pandemia ogni 7 anni: dall’influenza spagnola al coronavirus

    La pandemia si registra frequentemente, una ogni 7 anni: dalla spagnola al coronavirus, cosa ci insegna la storia.

  • Serrata fino a Pasqua, poi riaperture graduali: il calendario
    Notizie
    Yahoo Notizie

    Serrata fino a Pasqua, poi riaperture graduali: il calendario

    Proroga senza deroghe delle attuali misure almeno fino al 18 aprile, poi, se si confermerà il trend del calo dei contagi, le prime graduali riaperture...

  • Cottarelli: da Ue 220 mld euro. Coronabond non servono
    Notizie
    Askanews

    Cottarelli: da Ue 220 mld euro. Coronabond non servono

    "Sono preoccupato per la tenuta sociale"

  • Il capo della Protezione Civile della Calabria rassegna le dimissioni
    Notizie
    notizie.it

    Il capo della Protezione Civile della Calabria rassegna le dimissioni

    Si è dimesso il capo della Protezione Civile della Calabria, Domenico Pallaria: aveva ammesso di non sapere cosa sia un respiratore.

  • Renzi: "Non possiamo vivere 2 anni di reddito di cittadinanza"
    Notizie
    Adnkronos

    Renzi: "Non possiamo vivere 2 anni di reddito di cittadinanza"

    "A Firenze dopo la peste c'è stato il Rinascimento, quindi ci sarà un momento bello, però nel mezzo ci sono due anni in cui non voglio che l'Italia viva di reddito di cittadinanza, perchè se fa così le nostre aziende verranno acquisite per due soldi da soggetti stranieri o chiuse". Lo ha affermato Matteo Renzi, ospite di 'Radio anch'io' su Radiouno Rai.  "A Firenze dopo la peste c'è stato il Rinascimento, quindi ci sarà un momento bello, però nel mezzo ci sono due anni in cui non voglio che l'Italia viva di reddito di cittadinanza, perchè se fa così le nostre aziende verranno acquisite per due soldi da soggetti stranieri o chiuse", ha aggiunto. "La ripartenza è nelle mani dell'Italia, non è colpa dell'Europa, e l'Italia ce la può fare, però bisogna muoversi ora e non aspettare che passi la nottata", ha proseguito. "Attenzione -ha sottolineato l'ex premier- a dare all'Europa la colpa di tutto, l'Europa ha liberato con la Banca centrale europea le risorse per cui lo spread non schizza a 600, l'Europa ha tolto quelle regole sul Patto di stabilità che quando fui al governo furono la mia croce".

  • Australia, perché i più colpiti dal virus sono i 20enni
    Notizie
    Yahoo Notizie

    Australia, perché i più colpiti dal virus sono i 20enni

    L'11,3% dei casi confermati comprende i giovani tra i 25 e i 29 anni. Il 9,3% quelli tra i 20 e i 25.

  • Il comandante della portaerei: "Virus a bordo, marinai non devono morire"
    Notizie
    Adnkronos

    Il comandante della portaerei: "Virus a bordo, marinai non devono morire"

    "I miei marinai non devono morire". E' un passaggio della lettera che il capitano Brett Cozier, comandante della portaerei Theodore Roosevelt, ha inviato ai vertici militari degli Stati Uniti per sollecitare un intervento. A bordo della nave è in corso un'epidemia di coronavirus tra i 4000 membri dell'equipaggio. La Theodore Roosevelt ha attraccato a Guam. Il virus, visti gli spazi ridotti, si diffonde e non è possibile per i marinai isolarsi. "Servirà una soluzione politica, è la cosa giusta da fare", scrive Crozier nella lettera di 4 pagine diffusa dal quotidiano San Francisco Chronicle. "Non siamo in guerra, i marinai non devono morire. Se non interveniamo ora, non stiamo ci stiamo occupando nel modo adeguato del nostro asset più prezioso: i marinai". Solo una piccola parte dell'equipaggio ha lasciato la nave. "La malattia si diffonde e accelera", scrive Cozier, chiedendo "locali adeguati per la quarantena" a Guam "il più presto possibile". "Rimuovere la maggior parte degli uomini da una portaerei nucleare e isolarli per due settimane potrebbe sembrare una misura straordinaria. E' un rischio necessario", aggiunge. "Tenere a bordo 4000 giovani uomini e donne è un rischio non necessario e viola il rapporto di fiducia con quei marinai che confidano nelle nostre cure". Alla Cnn, il segretario alla Marina Thomas Modly ha spiegato che "negli ultimi 7 giorni si è lavorato per trasferire i marinai dalla nave e trovare una sistemazione a Guam", dove però "non ci sono sufficienti posti letto". Per questo, si lavora a soluzioni alternative.

  • Barbara D’Urso bambina: la tenera foto con la mamma
    Notizie
    notizie.it

    Barbara D’Urso bambina: la tenera foto con la mamma

    Una tenerissima foto di Barbara D'Urso da piccola ha scatenato i commenti di migliaia di fan: la dolce immagine con la mamma

  • Terremoto negli Stati Uniti, a sud dell’Idaho: scossa di magnitudo 6.4
    Notizie
    notizie.it

    Terremoto negli Stati Uniti, a sud dell’Idaho: scossa di magnitudo 6.4

    Forte scossa di terremoto nella notte negli Stati Uniti: il sisma ha colpito la zona a sud dell'Idaho ed è la più violenta della storia moderna.

  • Inaugurazione ospedale Fiera, è polemica: “Diventerà nuovo focolaio”
    Notizie
    notizie.it

    Inaugurazione ospedale Fiera, è polemica: “Diventerà nuovo focolaio”

    Diversi utenti del web hanno notato che all'inaugurazione del nuovo ospedale in Fiera a Milano ci siano state molte olccasioni di assembramento.

  • Federico Fashion Style: “Ho avuto tentazioni con ospiti del mio salone”
    Notizie
    notizie.it

    Federico Fashion Style: “Ho avuto tentazioni con ospiti del mio salone”

    Possedere uno dei saloni di bellezza più famosi ha i suoi pro e i suoi contro. A rivelarli è stato Federico Fashion Style.

  • Notizie
    AGI

    Sequestrati a Bologna migliaia di mascherine e dispositivi per ventilatori

    Sono state requisite questa mattina all'aeroporto e all'interporto di Bologna 50 mila mascherine e oltre 13 mila dispositivi medici monouso per la ventilazione respiratoria, questi ultimi destinati al Sudafrica (il 'blocco' era avvenuto nei giorni scorsi) , per poi essere successivamente consegnati all'Agenzia di protezione civile dell'Emilia Romagna.Un importante quantitativo di materiale sanitario utile per fronteggiare l'emergenza coronavirus, che può rimanere, quindi, in Emilia Romagna, grazie alla duplice operazione condotta da Agenzia delle dogane e dei monopoli e guardia di finanza in esecuzione delle direttive del procuratore capo della Procura di Bologna, Giuseppe Amato, e del prefetto di Bologna, Patrizia Impresa, e con la collaborazione della Protezione civile.Le mascherine, di tipo chirurgico, requisite all'aeroporto Guglielmo Marconi erano di importazione cinese e destinate a rivenditori privati, mentre i dispositivi medici monouso per la ventilazione respiratoria intercettati all'interporto di Bentivoglio, di fabbricazione italiana, erano illegalmente destinati alla Repubblica Sudafricana.Un duplice blocco, dunque, di importazione ed esportazione, informa la Regione, attuato con la massima tempestività e collaborazione di tutte le forze in campo.

  • Uomini e Donne: lo sfogo di Giulia Cavaglià su Manuel Galliano
    Notizie
    notizie.it

    Uomini e Donne: lo sfogo di Giulia Cavaglià su Manuel Galliano

    Giulia Cavaglià ha deciso di sfogarsi contro Manuel Galliano rivelando il motivo della loro rottura: le dichiarazioni dell'ex tronista

  • Notizie
    AGI

    Uno studio conferma che l'alto numero di decessi durerà fino a metà aprile

    I morti per Covid-19 negli ospedali italiani stanno aumentando alla massima velocità e un numero significativo di persone continuerà a morire almeno fino a metà aprile. Nello scenario peggiore questo massacro potrebbe protrarsi addirittura fino all'inizio di giugno. È quanto si evince da un nuovo rapporto basato sui numeri dell'emergenza nel nostro paese fino al 30 marzo. A stilarlo è stato Davide Manca, professore di Ingegneria al Politecnico di Milano esperto della Società europea di anestesiologia (ESA).Secondo le stime del nuovo report è probabile che l'aumento del numero dei pazienti in terapia intensiva, sia in Lombardia che in generale in Italia, abbia raggiunto il picco, ma che il numero di decessi in ospedale continuerà ad aumentare al tasso massimo per diversi giorni venire. I decessi degli ultimi giorni e quelli dei giorni a venire riguardano e riguarderanno per lo più persone contagiate circa due settimane fa. I modelli suggeriscono, secondo Manca, che il massimo aumento giornaliero dei decessi in ospedale si registrerà tra il 28 marzo e il primo aprile in Lombardia, e tra il 28 e il 2 aprile in Italia. Due gli scenari disegnati da Manca, attraverso due diversi modelli, uno chiamato logistico e l'altro di Gompertz. Secondo il modello logistico, che è il più ottimistico, entro il 15 aprile verrà raggiunto, sia in Lombardia che in Italia, il 98 per cento del totale dei decessi previsti in ospedale. Il modello di Gompertz, più pessimista, prevede che il 98 per cento dei decessi si verificherà entro il 3 giugno in Lombardia ed entro giugno 4 in Italia. Per il numero di pazienti in terapia intensiva, i dati mostrano che il giorno di massimo aumento è stato raggiunto il 15 marzo in Lombardia e il 18 marzo in Italia. "La differenza tra Lombardia e Italia è dovuta alle misure di distanziamento sociale adottate prima in Lombardia e poi in tutto il paese", spiega Manca, secondo il quale "ogni giorno conta". Negli ultimi giorni, il numero di pazienti in terapia intensiva è aumentato di meno di 10 persone al giorno in Lombardia, ma a causa della carenza di posti letto in terapia intensiva. In tutta Italia (comprese le regioni meridionali e centrali), il numero di pazienti in terapia intensiva è aumentato di 50-75 pazienti al giorno negli ultimi giorni, rispetto a un aumento molto più marcato di 180-240 pazienti al giorno nel periodo che va dal 13 al 23 marzo. "Ci aspettiamo di raggiungere la data in cui ci sarà un piccolo o nessun ulteriore aumento dei pazienti Covid-19 in terapia intensiva intorno al giorno 45 (6 aprile) in Lombardia e al giorno 47 (8 aprile) in Italia. I dati suggeriscono che i numeri dei pazienti in terapia intensiva dovrebbero iniziare a diminuire in Lombardia e in Italia dopo queste date, a seconda della continua attuazione e applicazione delle severe misure di quarantena in Italia", afferma Manca.

  • Notizie
    AGI

    Morto il sacerdote di Nuoro contagiato nella sua parrocchia

    Sacerdote diocesano, missionario nel Burkina Faso e prima anche marito e padre di famiglia: è la storia di don Giovanni Melis, 72 anni, uno dei due sacerdoti di Nuoro morti a marzo dopo essere stati infettati dal coronavirus. Don Melis è deceduto lunedì scorso a Sassari, dov'era ricoverato per il contagio contratto venti giorni prima, durante una messa in parrocchia che è costata la vita anche a Pietro Muggianu, 84 anni, canonico della cattedrale. Il Covid 19 ha avuto la meglio sul fisico del sacerdote-missionario, anche perché già indebolito dai problemi di salute patiti durante i soggiorni nel Burkina Faso, dove la malaria e la febbre gialla rappresentano due spauracchi, non sempre superabili neppure con le vaccinazioni.Nello Stato dell'Africa occidentale don Melis aveva realizzato il suo sogno missionario dal 2000, nei giorni in cui accarezzava l'idea di seguire la via del sacerdozio. Quattro anni prima un male incurabile gli aveva portato via la moglie Anna, dopo 27 anni di matrimonio, allietati dai figli Laura e Sandro, e vissuti più che altro a Torino da dirigente d'azienda.​"La morte di mia moglie è stata come il fallimento del progetto d'amore", raccontava qualche tempo fa don Melis, ormai diventato sacerdote dopo l'ordinazione in cattedrale a Nuoro, nell'ottobre del 2004. Non senza un pensiero per i due figli, diventati adulti e inseriti nel lavoro: "All'inizio sono rimasti un po' frastornati da questa mia decisione. Perché dopo avere perso la mamma, vedevano allontanarsi in qualche modo anche la presenza del padre. Ma hanno subito dopo capito e condiviso la scelta".Dalla comunità familiare l'ex manager è passato a quella ecclesiale, nelle parrocchie diocesane di Sarule e Lodè (Nuoro), dopo i primi anni da viceparroco a Nuoro. E qui, nella chiesa San Paolo ha contratto il coronavirus circa un mese fa. L'esperienza tra i diseredati dei sobborghi di Ouagadougou, la capitale dell'ex colonia francese, è stato l'elemento attorno a cui è ruotata la scelta di vita del sacerdote. Vi è tornato ogni anno, per dare una mano ai padri camilliani, che nella città di Koupela hanno aperto anche un ospedale per curare lebbrosi.Dall'Italia col gruppo missionario del Rosario di Nuoro don Melis portava nei bagagli generi alimentari e medicine. Sono solo alcuni tra i beni mancanti in una comunità che è 171esima (su 174) nella classifica della ricchezza, o povertà, mondiale. Coi volontari dell'associazione onlus, don Melis ha preparato alcuni progetti: il lebbrosario e una casa per gli anziani. È nata la scuola per l'infanzia 'Coro ‘e mama' (Cuore di mamma, in sardo) e alcune giovani sono state formate all'insegnamento. Altri ragazzi hanno avuto la possibilità di aprire laboratori per il burro di karitè, prodotto di pregio nella cosmesi occidentale. Opera sempre in evoluzione, che oggi passa per intero nelle mani dei soci della onlus: come un testamento spirituale del sacerdote nuorese, stabilito prima che l'ultima epidemia lo stroncasse.

  • Ambra Lombardo scrive a Piero Chiambretti: “Hai combattuto una guerra”
    Notizie
    DonneMagazine

    Ambra Lombardo scrive a Piero Chiambretti: “Hai combattuto una guerra”

    Ambra Lombardo ha scritto un messaggio a Piero Chiambretti, dimesso dall'ospedale dove era ricoverato per Coronavirus.

  • Da fisarmoniche a mascherine lavabili: "Ci salviamo da crisi aiutando"
    Notizie
    Adnkronos

    Da fisarmoniche a mascherine lavabili: "Ci salviamo da crisi aiutando"

    Da mantici per le fisarmoniche e teli mare a un nuovo modello di mascherina 'anti-contagio' lavabile, da usare in famiglia per uscire, comunque non in ambienti medici. Quando l'Italia si è 'blindata' per tentare di fermare la corsa del nuovo coronavirus, Renzo Galassi, 62 anni, ha avuto un momento di disperazione. "Con la chiusura delle attività non essenziali la prospettiva - racconta all'AdnKronos Salute - era precipitato in una crisi profondissima. Ho passato due notti insonni".  Poi l'idea. "Come dare una mano in questo momento così difficile e salvare l'azienda alla quale ho dedicato investimenti in tecnologia da 'era 4.0' e sulla quale ho appena puntato altri 250 mila euro per spingerla sull'onda della 'green economy'?". La risposta è stata: riconvertire in tempi record la produzione in mascherine. Siamo nelle operose Marche, a Osimo Stazione (Ancona). Il titolare dell'azienda familiare Galassi Group alza il telefono e chiama il sindaco Simone Pugnaloni. "Gli ho detto: uniamo le nostre disperazioni e troviamo una soluzione".  "Avevo l'idea di mettere in campo un nostro materiale - dice - Si chiama 'ultramicrofibra', normalmente la usiamo per produrre mantici per fisarmoniche, nostro core business, e teli mare 'a prova' di sabbia finissima, come quella delle nostre spiagge". Le sue caratteristiche "si prestano" alla nuova causa. "E' un materiale versatile, lo usiamo anche per realizzare tende in grado di proteggere dai raggi ultravioletti del sole e fare da barriera al caldo". La scelta è stata di cominciare in tempi rapidi la produzione destinando le mascherine a un uso privato, non professionale. Risultato: in 3 giorni ne sono stati realizzati 12 mila pezzi, che il Comune sta distribuendo alle famiglie di Osimo, cittadina di 35 mila abitanti circa (e appunto 12 mila nuclei familiari). Il 25% di questa quantità è stato donato da Galassi Group.  Per raggiungere l'obiettivo si è mossa anche un'imponente macchina del volontariato che ha dato man forte ai 12 dipendenti della ditta. Galassi si è rimboccato le maniche e ha studiato la fattibilità del nuovo prodotto: "Per quanto compatto e protettivo fosse il mix di poliestere e poliammide che compone l'ultramicrofibra, abbiamo cercato di capire come renderlo ancora più performante, in grado di fare da barriera alle goccioline di uno starnuto, per intenderci. E quindi abbiamo schiacciato le fibre creando un'ulteriore barriera meccanica, poi abbiamo lavato il tessuto con ammorbidenti i cui componenti siliconici, fermandosi nella struttura, hanno aumentato ancora di più l'impermeabilità".  Il materiale non va cucito, ma basta tagliare la sagoma adatta al viso. La mascherina si fissa con asole (regolabili in 3 misure) alle orecchie e si allaccia dietro. "Non segna perché non ha elastici, è morbida e in tessuto certificato, e non c'è necessità di toccarsi naso e bocca per indossarla e toglierla. Noi consigliamo di metterla con gli occhiali da sole o da vista (non ha infatti neanche il ferretto che la blocca sul naso) per avere una protezione massima. Si può usare per andare a fare la spesa, o per situazioni in cui si è costretti a fare code", descrive Galassi. "Aumenta senz'altro la sicurezza, anche psicologica".  La mascherina è riutilizzabile, "noi consigliamo fino a 5 volte. Importante è l'asciugatura: mezz'ora ad alta temperatura in asciugatrice è l'ideale. E poi si può ricomprare. Il costo, Iva esclusa, è di 1,50 euro. E se su questi prodotti l'Iva venisse abbassata al 4%, ci risparmierebbe anche il cittadino". La nuova produzione è partita sabato scorso e lunedì le mascherine erano pronte. Si è riusciti nell'impresa grazie a volontari che si sono occupati del confezionamento.  "Noi abbiamo due macchine per il taglio e una per la campionatura e abbiamo allertato i partner che hanno le nostre stesse strumentazioni e le utilizzano in altri settori come la pelletteria. Loro mettono a disposizione le loro macchine per il taglio - oggi ferme per il decreto - Il collo di bottiglia era il confezionamento e lo abbiamo risolto in prima battuta attraverso il Comune e i volontari che hanno lavorato alacremente con noi per raggiungere la meta".  Oggi, calcola Galassi, "siamo in grado di produrre mediamente, al netto delle strozzature, 10 mila mascherine al giorno e stiamo migliorando nel confezionamento, passaggio su cui potrebbero ora contribuire delle cooperative. Allertando i colleghi del nostro network, potremmo anche raddoppiare a 20 mila al giorno. Abbiamo deciso di puntare sulla velocità del progetto. Per produrre invece un presidio medico sarebbe stato necessario un impianto specifico e 6 mesi è il tempo tecnico. La logica che abbiamo seguito è: noi realizziamo un prodotto per la popolazione, così le mascherine professionali possono andare tutte ai medici". Adesso le richieste piovono e la produzione di mascherine continuerà.  "Da oggi facciamo anche i turni di notte, noi della famiglia siamo impegnati in prima linea e vogliamo dare il buon esempio. Per me non esistono weekend né orari. Stiamo cercando di aumentare al massimo la produzione e forniamo anche a un'altra azienda il semilavorato (per una mascherina meno ampia come misure). Nel giro di un mese con tutte le collaborazioni attivabili e con tutto il network in campo potremmo arrivare a 1 milione di pezzi mensili", stima. Galassi ha già in mente anche un altro prodotto: "Un kit per sanificare superfici lisce, con il panno giusto e il gel disinfettante, da usare per esempio in ambienti di ufficio. A prezzo onesto", conclude.  Intanto, il sindaco di Osimo Simone Pugnaloni guarda già oltre. La volontà è di ampliare la platea di chi riceverà in dono la mascherina 'made in Osimo Stazione'. Ora si pensa di darle anche "ai volontari, che stanno dando una grande mano in questa situazione di emergenza, e alle società partecipate. A chi lavora nei servizi sociali, nelle manutenzioni, e così via". Pugnaloni è il motore dell'iniziativa insieme al Galassi Group. "Renzo Galassi mi ha chiamato dicendomi che voleva fare qualcosa per la città, riconvertendo il ciclo produttivo della sua azienda - spiega Pugnaloni - Ho coinvolto allora i medici del lavoro per analizzare i materiali ed è emerso che l'ultramicrofibra è molto resistente, ideale come barriera" per bloccare le goccioline di saliva e contribuire a minimizzare il rischio contagio. "La conclusione è stata: si parte con la produzione di mascherine che possono utilizzare le famiglie". Per l'acquisto è sceso in campo "il Comune. E il Gruppo Astea - realtà che gestisce servizi come acqua, igiene urbana, teleriscaldamento in condivisione fra diversi comuni - ci ha aiutato finanziariamente. Un quarto della fornitura è stata donata dall'azienda stessa che ringraziamo. La cosa più bella è stata il volontariato. Grazie alla Protezione civile più di 30 persone si sono messe a lavorare a un metro l'uno dall'altro in banchi distanti di 2 o 3 metri fra loro per confezionare le mascherine, accompagnandole con un libretto di istruzioni su come lavarle e riutilizzarle e mettendole dentro buste donate da un'altra azienda osimana, Cristianpack della famiglia Pergolesi". Ecco, continua il sindaco, "è stata un'operazione 'di famiglia' per le famiglie. Sono scese in campo aziende familiari e il Gruppo Astea è esso stesso come una grande famiglia per noi". Anche gli altri Comuni che 'fanno rete' con Osimo hanno espresso interesse per l'iniziativa. "C'è una grande sinergia fra sindaci qui", assicura Pugnaloni. Da quando le mascherine sono pronte, altri 20 volontari "sono in campo ogni giorno a gruppi di due per distribuirle. Ne saranno prodotte ancora. Ci metteremo d'accordo sul prezzo di vendita e sulla parte da donare". Le mascherine non sono l'unico intervento messo in campo dal Comune: "Stiamo disinfestando strade, piazzali e vicoli con un atomizzatore che passa di notte e presto faremo dono ai dipendenti delle società partecipate di dispositivi di protezione particolari che potrebbero essere donati da aziende del luogo. Abbiamo un servizio di 'pronto farmaco' e spesa a domicilio che sta riuscendo molto bene - elenca il sindaco - e abbiamo distribuito anche volantini per il servizio pranzo e cena a domicilio, pensando soprattutto agli anziani. Infine tre macchine della Protezione civile girano per la città alla mattina e al pomeriggio per 2 ore con un messaggio registrato che ricorda tutte le raccomandazioni da seguire per il contenimento dell'epidemia. Sul restare a casa i cittadini stanno migliorando sempre di più". L'operazione mascherine è piaciuta alla comunità locale. "Stanzieremo circa 20 mila euro, di cui un acconto già versato. Poi faremo conti alla fine perché vogliamo produrne altre quantità - riepiloga Pugnaloni - Intanto ho ricevuto tantissimi ringraziamenti. E sono contento che l'iniziativa sia stata apprezzata. Quando sono andato in azienda per vedere il risultato della produzione, sono stato il primo a indossare la mascherina numero 1. Un amico mi ha detto: 'Sembri un bandito'. E io gli ho risposto: 'No, sto andando a salvare i miei concittadini dall'emergenza Covid 19", conclude sorridendo.

  • Coronavirus, Berlusconi: "Italiani alla fame, nostro piano è da 100 miliardi"
    Notizie
    Adnkronos

    Coronavirus, Berlusconi: "Italiani alla fame, nostro piano è da 100 miliardi"

    "Per una parte significativa della popolazione questo è un autentico dramma: chi non può contare su uno stipendio fisso, chi ha perso il lavoro, chi viveva di lavoro nero (diciamolo chiaro, ci sono tante persone in questa situazione, inutile negarlo), si è trovato di colpo senza alcun reddito, si è trovato alla fame nel senso letterale della parola". Lo ha affermato Silvio Berlusconi in un'intervista a Radio 105. "Ovvio che a queste persone -ha aggiunto il leader di Forza Italia- bisogna offrire una soluzione subito, direi addirittura nelle prossime ore. Il problema riguarda tutta Italia, ma nel Mezzogiorno la situazione è più grave. Il governo invece purtroppo è ancora in ritardo, ha stanziato una cifra inadeguata e non c'è ancora chiarezza su come queste somme verranno distribuite".  "Occorrono quindi non solo più risorse, ma bisogna anche essere certi che arrivino senza ostacoli burocratici e rapidamente a chi ne ha bisogno. Per esempio -ha detto ancora Berlusconi- ricordo che il mio governo aveva realizzato una social card per consentire alle persone in difficoltà economiche di acquistare i beni di prima necessità". "Nei prossimi giorni presenteremo al governo un piano che prevede di arrivare almeno a 100 miliardi, sperando che bastino. Dobbiamo finanziare la sanità, la spesa sociale, le grandi e le piccole imprese, occorre garantire liquidità al mercato per difendere il tessuto produttivo del nostro Paese. Lo Stato deve dare la sua garanzie alle banche sui prestiti che faranno alle imprese, questo è fondamentale, salvaguardando la continuità aziendale e i posti di lavoro", ha spiegato. "Purtroppo nessuno può fare previsioni attendibili. Da uomo di impresa prima ancora che da uomo politico, so benissimo che ogni giorno che passa paghiamo un prezzo molto elevato al blocco delle attività del Paese", ha detto riferendosi alla data della 'riapertura' del paese. "Però occorre essere responsabili: riaprire troppo presto come qualcuno vorrebbe, prima che il virus sia sotto controllo, potrebbe costarci molto più caro, sia in termini di vite umane, sia di ulteriori danni al sistema economico, se l'epidemia si dovesse ancora aggravare".

  • Coronavirus, Beppe Sala e i sindaci espongono dubbi a Fontana
    Notizie
    notizie.it

    Coronavirus, Beppe Sala e i sindaci espongono dubbi a Fontana

    Beppe Sala ha dei dubbi su come venga gestita l'emergenza Coronavirus dal Presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana.