Coronavirus, bozza decreto: attività sospesa per gestore che non fa rispettare distanza

webinfo@adnkronos.com

La bozza del decreto della presidenza del consiglio che dovrebbe essere emanato in serata, dispone che il gestore del pubblico esercizio "garantisca un accesso ai predetti luoghi con modalità contingentate o comunque idonee a evitare assembramenti di persone, tenuto conto delle dimensioni e delle caratteristiche dei locali aperti al pubblico, e tali da garantire ai frequentatori la possibilità di rispettare la distanza di almeno un metro tra i visitatori con sanzione della sospensione dell'attività in caso di violazione. In presenza di condizioni strutturali o organizzative che non consentano il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di un metro, le richiamate strutture dovranno essere chiuse".  

Le limitazioni - che entreranno in vigore dall'8 marzo e avranno effetto fino a al 3 aprile - riguardano la regione Lombardia e altre 11 province: Modena, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Rimini; Pesaro e Urbino; Venezia, Padova, Treviso; Asti e Alessandria.