Coronavirus, bozza decreto: "Favorire congedo ordinario o ferie"

webinfo@adnkronos.com

"Qualora sia possibile, si raccomanda ai datori di lavoro di favorire la fruizione di periodo di congedo ordinario o di ferie". Lo prevede la bozza di un secondo Dpcm per misure urgenti per contenere il coronavirus a livello nazionale.  

Divieto assoluto di muoversi dalla propria casa per chi sia stato posto in quarantena o sia risultato positivo al coronavirus.  

Viene anche esteso l'obbligo di comunicare all'Asl, al pediatra al proprio medico se si è stati in Lombardia o in una delle 11 province coinvolte dal contagio mentre la previsione iniziale imponeva l'obbligo solo per i singoli Comuni della zona rossa.