Coronavirus, bozza dl: Regioni possono potenziare assistenza

Afe

Roma, 12 mar. (askanews) - Per fronteggiare l'emergenza coronavirus, le regioni, le province autonome di Trento e Bolzano e le aziende sanitarie possono stipulare contratti "per l'acquisto di ulteriori prestazioni sanitarie". E' quanto prevede la bozza di decreto-ter su cui sta lavorando il governo.

L'obiettivo è "incrementare la dotazione dei posti letto in terapia intensiva e nelle unità operative di pneumologia e di malattie infettive, isolati e allestiti con la dotazione necessaria per il supporto ventilatorio" anche stipulando "contratti con strutture private non accreditate, purché autorizzate"

Inoltre per "fronteggiare l'eccezionale carenza di personale medico e delle professioni sanitarie" le strutture private, accreditate e non, su richiesta, "mettono a disposizione il personale sanitario in servizio nonché i locali e le apparecchiature presenti nelle suddette strutture"

La bozza prevede anche che per il 2020 "sono incrementate le risorse destinate alla remunerazione delle prestazioni di lavoro straordinario del personale sanitario dipendente delle aziende e degli enti del Servizio sanitario nazionale direttamente impiegato nelle attività di contrasto alla emergenza epidemiologica determinata dal diffondersi del COVID-19".